Utente
Buonasera dottore, mio papà ha 74 anni nel maggio 2019 ci siamo accorti da un pre operatorio cataratta che ha una defibrillazione atriale, acendo delle visite gli è stato dato il farmaco Eliquis e nel frattempo aspettavamo per una cardioversione, a novembre quando siamo stati chiamati per effettuarla il cardiologo si è accorto che il farmaco dato non ha lavorato e quindi non è stata fatta la cardioversione e hanno cambiato la cura con coumadin, a fine febbraio avrebbe dovuto riprovare a farla, ma sfortunatamente nell attesa ha avuto un emorragia dall ano e facendo degli accertamenti si è riscontrata una neuplasia di 5 cm, quindi sospeso coumadin e come terapia clexane 6000, abbiamo fatto l intervento e come terapia pe
precauzione l oncologo ci ha consigliato la chemio con farmaco xleno, ogni 21gg però prima vuole un consulto con cardiologo con eco ed ecocardio per valutare la terapia, la mia domanda è facendo la chemio e smettendo coumadin potrà avere dei riscontri sul problema defibrillazione o cosa mi consiglia?
Se viene sospeso coumadin e facendo clexane la chemio può portare qualche problema?
Certo che un paziente senza altre patologie affronta diversamente il processo chemioterapico, ma purtroppo lui avendo questo problema ho un po di timore.
Aspetto una Vs consulenza e grazie per la Vs disponibilità
Antonella

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non ho capito perché non abbiano eseguito una cardioversionemelettrica.
Detto,questo la,terapia con Clexane può andare bene anche per lungo periodo tempo e poi sarà fondamentale in vista dell intervento chirurgico
Ovviamente l eventuale successo di una cardioversione elettrica dipende da molto fattori ( funzione ventricolare sinostra, dimensioni atriali ,etc)

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, non è stata fatta la cardioversione a novembre perché nella preparazione di sono accorti che aveva un coagulo cioè trombo nella vena esattamente non mi ricordo bene il nome vena allora per evitare conseguenze durante la cardioversione hanno sospeso il tutto e hanno dato la cura coumadin come avevo anticipato per poi sottoporsi a un altra cardioversione ma ora durante il percorso coumadin ha poi avuto il problema della neuplasia e visto i problemi di oggi che ci sono per il covid 19 le liste sono in attesa ma nel frattempo il mio papà dovrebbe fare una chemio preventiva post operatoria quindi visto che l oncologo mi ha detto che il coumadin dovrebbe sospenderlo allora mi sono chiesto come faremo se il mio papà deve fare chemio ogni 21 gg per 6 mesi? La cardioversione penso non possa farla fino alla durata della chemio e dovrà essere fatta un altro tipo di cura e io sono timorosa per quello.
Ho scritto a voi per avere un consulto e sentire una proposta. La ringra per la gentilezza e spero di essere stata chiara
Buona giornata Antonella

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Puo' tranquillamente rimanere in f.a. anche per mesi (controllando la frequenza ventricolare con appositi farmaci) e con un dosaggio di eparina a basso peso molecolare a dosaggio adeguato al peso, ovviamente

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille dottore della sua immediata disponibilità speriamo tutto prosegua nel verso giusto ora aspettiamo un consulto oncologo e cardiologo e sentiamo al max le faccio sapere
La ringrazio di cuore
Saluti e buona giornata
Antonella

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, avevo scritto tempo fa, non so se si ricorda, ma le risolverò un attimo la situazione le avevo chiesto che il mio papà avrebbe dovuto iniziare la chemio però aveva iniziato a prendere il cumadin perché ha una defibrillation atriale il suo cardiologo prima di darle coumadin le aveva dato eliquis ma facendo un day hospital per cardioversione glielo ha sospeso perché su di lui non lavorava e allora ha dato cumadin.
Adesso mercoledì inizia le chemio e da oggi nulla cumadin e poi da mercoledì le hanno dato il paraxa non so se mi ricordo il nome giusto le chiedo scusa se ho sbagliato che se non erro è simile al eliquis, il mio papà potrebbe avere problemi? La mia paura è quella che possa avere qualche problema cardiovascolare, all inizio avevano valutato eparina ma adesso hanno pensato questo.
Chiedo un suo consulto e grazie per la disponibilità.
Una buona giornata
Antonella Simonetti