Utente
Buongiorno cortesi medici!!
Ho appena passato un periodo drammatico con ansia e stress fortissimi, che mi hanno fatto tornare anche attacchi di panico.

Un periodo di 70 giorni di malessere generale con congiuntivite e mal di gola, affanno e febbre tra serale, tanto che sono stato messo in quarantena obbligatoria.
Fatto tre tamponi nell’arco di tre mesi ed una tac polmonare sono comunque negativo.
Anche al test sierologico di due settimane fa.
Paura durata tre mesi e angoscia per perduta tutto il lavoro della nostra piccola azienda.

Essendo stato ed essendo sportivo però non mi sono mai fermato, con la fortuna di avere un terreno privato ed un boschetto, ho fatto brevi camminate Lente di 4 chilometri al giorno.

Prima correvo due volte a settimana e camminavo veloce 4 volte.
Mai avuti problemi cardiaci, faccio anche un po’ di palestra, qualche peso, ma solo un esercizio al giorno.

Finita la quarantena abbiamo cominciato a fare lavori per riattivare il nostro ristorante, ma otto giorni fa dopo una mattinata impegnativa abbastanza faticosa, non moltissimo, ma comunque stancante, condita anche da litigate varie, mi sono spaventato.
Dopo tre ore di lavoro, ho pranzato e appena alzato da tavola ho avuto due extrasistole ravvicinate più fu orti di quelle che Di solito ho, che hanno innescato una Tpsv a detta del mio cardiologo con battiti velocissimi credo sui 150 almeno.
Battiti veloci ma molto regolari che di sono normalizzati dopo circa 25 / 30 secondi.
Terrore! Il mio cardiologo ha fatto ecg giorno dopo, e non ha ritenuto nemmeno di dover fare eco cardio.

Mi ha tranquillizzato e affermato che potevo anche continuare a fare vita normale compresa la mia attività sportiva.

Referto
Ritmo sinusale 78 battiti/m
Sr’ in v1-2 (ritardo focale Dx)
Ripolarizzazione nei limiti della norma
Pa 120/75
Buon compenso emodinamico

Comunque alla mia richiesta di fare un holter ha detto che lo faremo più in là e che potevo stare tranquillo
Però dopo 8 giorni, altro ieri, stavo lavorando in giardino, togliere erbacce, radici, spostare vasi ecc, all’improvviso mi sono chinato per raccogliere un attrezzo e bam! Extrasistole con seguente tachicardia, sono stato calmo, ho preso i battiti erano circa 130, durata anche questa con ritmo regolare un 25/30 secondi, e poi tornato ad un 80 B/m.
Ora vivo nel terrore che si ripeta, mi muovo come un infartuato, ho paura a fare anche il più piccolo sforzo, non cammino e non corro più! Appena il cardiologo potrà farò holter l’ho contattato ieri.
Ma intanto l’ansia mi divora per la domanda che mi pongo ogni momento!! Può il fortissimo stress di questi mesi avermi rovinato il cuore?
Modificando le vie di conduzione del segnale elettrico?

Finora il cuore era l’unica cosa forte che avevo, a parte le turbe di conduzione, sempre fatto sport con ecg prove da sforzo ed ecocardio,
59 anni
Cm 1, 82 x 80 kg
Quattro anni e mezzo fa tromboembolia
In terapia con eliquis 2, 5 due volte al giorno.

Ora però ho paura, molta!

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Ma nessun terrore!!.
Esegua l' holter e si tranquillizzi

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dott. Cecchini, secondo lei posso continuare a far tuttto ? In attesa del l’holter anche attività fisica?
Secondo lei visto che l’ansia mi divora e non posso prendere nulla per una sensibilità spiccata a benzodiazepine e antidepressivi , posso fare una corsetta che mi è utilissima per la testa o corro rischi particolari?
E la domanda che avevo posto era.... può un cuore che non aveva disturbi di conduzione elettrica essersi modificato dopo un periodo lungo di ansia e stress? Non parlo solo di Covid ma di una situazione generale iniziata dopo la tromboembolia.
Il ritardo focale dell’ecg può entrare in merito di questo disturbo? Pensavo di no in quanto ho sempre avuto sin da adolescente sui referti ecg , turbe di conduzione branca destra.
La ringrazio della sua risposta intanto!!

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei ha un ECG descritto come normale.
Puo' fare cio' che vuole.
Ovviamente assumendo eliquis stia attento ai traumi, specie al capo.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza