Utente
Buona sera

Mio marito, 37 anni, ha avuti due episodi di perimiocardite (nel 2013 e nel 2019) entrambi con ricovero in UTIC ma ben risolti con trattamento a lungo termine con ibuprofene e colchicina.
Indicazione in entrambi i casi di ripresa di vita normale senza necessità di ulteriori controlli.
L'ipotesi, in entrambi i casi, è stata che la causa fosse di natura virale (fatto controllo per malattie autoimmuni senza alcun riscontro) anche se da virus non identificato.
All'ultimo episodio nel 2013 io e i bambini avevamo da giorni congiuntivite e tosse con mal di gola.


Il mio pensiero è questo, se un virus ipoteticamente banale per 2 volte ha provocato una situazione cardiaca seria, cosa potrebbe succedere con il COVID che ha forme gravi anche in persone sane?

Abbiamo due bambini che dovrebbero frequentare la scuola materna, sono ovviamente una fonte inesauribile di virus, impossibile escludere che non prendano e passino il COVID.

La regione dove abitiamo è stata toccata in maniera abbastanza leggera dall'epidemia, i medici di riferimento non sono stati in grado di darci informazioni su casi di pazienti con precedenti perimiocarditi che abbiano contratto il COVID.
Qualcuno sa qualcosa in merito?

L'altra domanda che mi faccio è, dovremmo non mandare i bambini in asilo per tutelare papà?
E in caso contrario, come comportarsi dinanzi ai raffreddori/tossi/febbri che immancabilmente arriveranno?

Mi viene paura solo a pensarci...

Chiedo gentilmente se qualcuno ha risposte o indicazioni

Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
La patologia da COVID non e' cosi frequente come pensa, poi ci sono migliaia di altri virus che sono presenti dove viviamo e lavoriamo.

Quindi e' impossibile prevenire tutte le infezioni virali ipoteticamente possibili, ne' e' pensabile che suo marito ed i vostri figli conducano una vita isolata per il resto della loro vita

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Si sono consapevole di questo.
Cercavo solo informazioni sulla relazione tra le due patologie

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Sono stati segnalati rari casi di miocardite da COVID
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso