Utente
Buongiorno dottori, vorrei chiedervi un parere.

Allora è circa una settimana che accuso qualche problema del tipo: dolore toracico, dolore retrosternale, fitte alla parte alta e sinistra del torace, talvolta respiro un po' corto; principalmente avverto questi sintomi la sera, ma a volte anche di giorno.
Sono cominciati sabato, poi passati per due giorni e poi tornati.
Nell'ultimo periodo sono ossessionata dalle malattie, e sono terrorizzata dall'avere qualcosa al cuore.
Andrò a fare una visita cardiologica ma purtroppo non subito, per cui nel frattempo ho solo potuto fare un'ECG in farmacia e sembra tutto a posto.
Nel frattempo qualcuno mi può dire se questi sintomi dovrebbero preoccuparmi?
Le ultime analisi del sangue le ho fatte a gennaio e avevo colesterolo totale 209, colesterolo buono 56 e trigliceridi 76, per cui ero un po' in eccesso nel colesterolo totale; in questi ultimi mesi mi sembra di essere stata attenta con il cibo ma facendo poca poca poca attività fisica non so se il mio colesterolo è sceso.
Esistono i problemi al cuore dovuti al colesterolo a 25 anni?
Oppure è solo tanta tanta ansia?

[#1]  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Rispondo in ordine alle sue domande.
1) I suoi sintomi non sono di pertinenza cardiologica, ma molto verosimilmente causati dal'ansia. Quindi non deve preoccuparsi, anzi la preoccupazione è probabilmente l'origine dei sintomi stessi.
2) Il suo colesterolo totale è effettivamente un po' superiore alla norma. Continui la dieta povera di grassi saturi (in genere quelli di origine animale) e riprenda al più presto l'attività fisica aerobica (basta una passeggiata di 45-60 minuti tre volte alla settimana, senza interruzioni e di buon passo). Quindi, dopo un paio di mesi, ricontrolli l'assetto lipidico.
Aspetti pure con tranquillità la visita cardiologica che ha già prenotato.
Cordiali saluti
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore, le sue parole mi hannno già in parte tranquillizzata. Ha ragione, dovrei camminare di più, ma purtroppo il tempo è quello che è. Per quanto riguarda la dieta invece seguo un'alimentazione praticamente vegetariana, purtroppo talvolta però eccedo nei dolci. Grazie dei consigli. Spero davvero che sia come dice lei, a volte sento proprio come se avessi un peso al cuore. E quando succede vado in agitazione e la situazione non fa che peggiorare.

[#3] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, scusi se la interpello ancora. Ho seguito il suo consiglio e oggi ho iniziato con la camminata a passo veloce. Ho camminato per 50 minuti. La mia frequenza si mantenuta tra i 145 e i 165 bpm per quasi tutta la durata della camminata. Durante l’unico pezzo di salita presente invece, che è durato 5 minuti, ha raggiunto i 185 bpm. È normale dottore?

[#4]  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Ammesso che la rilevazione del cardiofrequenzimetro sia stata corretta (e lo è raramente) la frequenza cardiaca raggiunta indicherebbe che il carico di lavoro è un po' troppo elevato per una persona non allenata. Per i primi giorni di attività provi a rallentare un po' la frequenza del passo.
In ogni caso, per una rilevazione attendibile della risposta cardiaca all'esercizio, programmi un test da sforzo.
Cordiali saluti
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#5] dopo  
Utente
Buonasera dottore, volevo aggiornarla e dirle che sono stata dal cardiologo e ho effettuato la visita: ho fatto sia ECG che ecocardiogramma, e tutto è risultato nella norma. A questo punto dottore posso escludere al 100% problemi cardiaci?
Il cardiologo attribuisce tutto ciò al reflusso, dicendo che se ho avuto grossi problemi di reflusso per molti mesi, è difficile che questo se ne sia andato così velocemente (anche se prima si manifestava come nausea perenne, mentre ora in modo diverso); secondo lei dottore?
Leggendo invece su internet ho letto di questa sindrome di rohmfeld e vorrei che lei mi dicesse se è possibile che ne soffra..
come già le ho detto il problema principale sono questi momenti in cui mi manca il respiro e sento il batticuore, poi momenti di nausea e in più mi capita spesso che per esempio quando singhiozzo avverto delle mini fitte al seno sinistro (per quello le ricollego al cuore).

[#6]  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
La sindrome di Roemheld è caratterizzata da una notevole iperdistensione dello stomaco dovuta ad un abnorme contenuto di gas. Mi sembra proprio che non si tratti del suo caso!
Smetta di girare su internet alla ricerca di improbabili quanto strampalate autodiagnosi e si fidi di quanto le ha confermato il collega: il suo cuore è sano.
Cordiali saluti
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo