Utente
Buona sera,
sono un uomo di 41 anni, altro 1, 73 con un peso di 70 kg, nel 2018 ho fatto un ablazione da duplice rientro nodale a seguito di tachicardie, inoltre, sono in cura con Congescor 1, 25 mg a seguito di ponte miocardico riscontrato un anno fà con scintigrafia da sforzo negativa e rsm con contrasto nella norma, da qualche mese ho iniziato a correre 1-2 volte la settimana (40 minuti 5-7 km) e per sicurezza ho fatto un ecg da sforzo con cicloergometro (sospendendo 3 giorni prima l’assunzione del congescor) con i risultati portati sotto.

Premetto che sembra che mi sia presentato al test da sforzo agitato (ero in ritardo), da holter pressorio fatto ad inizio settembre è emerso ritmo circadiano abolito con valori pressori notturni pressoché analoghi a quelli diurni (107, 63/64, 88) , non saprei se è dovuto alla fatica a dormire di notte con l’ holter o ad un campanellino di allarme per ipertensione.



CARICO FC (BPM) BP METs FC*BP
0 103 140/100 0 14140
25 106 150/100 1, 9 16350
75 123 160/110 4.5 20800
100 134 160/110 5.7 21920
125 150 180/110 6.9 26280
150 159 180/110 7.8 28620
25 107 130/90 2.5 15730

Evidenzio inoltre, che a giugno mi hanno diagnosticato l’ipotiroidismo e da allora ho iniziato la terapia con levotiroxina (Torosint 25mg) e da fine agosto (con valori del TSH, Colesterolo tornati nella norma) ho evidenziato un battito cardiaco molto lento rispetto alle medie precedenti (58 media giornaliera con valori dai 46 ai 62 bpm, prima dell’estate la media era 68 bpm), con la cura ormonale che avrebbe dato l’effetto contrario.


Chiedo pertanto un vostro riscontro in merito, ovvero se i valori riscontrati possano far pensare ad un principio di ipertensione e perché il battito è diminuito in quest’ultimo periodo in coincidenza dell’assunzione dell’ormone.


Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei è un iperteso e pertanto essendo ancora giovane va curato bene
Il CONGESCOR certo non le
Può essere sì aiuto specie a quel dosaggio
Può provare ad alzare il dosaggio aggiungendo un ace inibitore ) esiste una combinazione farmaceutica di questo tipo o
A
Impiegare un beta bloccante più efficace come il nebivololo

Ovviamente ci deve pensare il
Suo cardiologo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Grazie per il cortese riscontro, ma mi chiedo come posso essere iperteso se la mia pressione al mattino è sempre con una media di 112/74 e la sera prima di andare a letto ha una media di 109/76 (medie degli ultimi 36 gg). Questa sera dopo una corsa di 30 minuti, ho misurato la pressione (qualche minuto dopo essermi fermato) ed era di 117/84 con 104 di bpm. Scusa se insisto, ma non capisco allora da come si evince l'ipertensione. Inoltre per cambio farmaco faccio fatica ad aumentare la dose del congescor, ho già battetti bassissimi ed alcuni giorni prendo mezza compressa di congescor per evitare la stanchezza.

Grazie mille in anticipo.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Ci si o altri farmaci che lei può assumere al posto del Congescor.
come vede lei stesso dallatanella dei valori che ha postato i valori sono molto elevati

Esegua per completezza un Holter pressorio

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Seguirò il suo consiglio, ma come avevo scritto ho eseguito un holter pressorio 15 giorni prima dell eco da sforzo, dove è emerso un ritmo circadiano abolito con valori pressori notturni pressoché analoghi a quelli diurni (107,63/ 64,88).
Questi valori però non sembrano da ipertensione, non dovrebbero essere maggiori di 140/100.

Grazie ancora.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Di fatto sotto sforzo sono molto alti

arrivederci
m
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Utente
Buona sera Dottore,
In questi ultimi giorni ho registrato le misurazioni della pressione su un diario, pressione max rilevata 125-84, media 114-73. Inoltre ho rifatto ecg da sforzo con i seguenti valori: met 9,93; fc 167 non; %fc prev. max 93; pas 170/80; pad 130/90.
Referto tutto ok, tranne per questo: alcuni bev nel recupero. Quest’ultimo mi pone delle preoccupazioni, mai evidenziati nei numerosi ecg da sforzo fatti.

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
non vedo motivo di preoccupazione

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#8] dopo  
Utente
Egregio Dottore,
la ringrazio per la sua cortese risposta, quindi può essere normale avere delle aritmie (xtrasiatole) ventricolari dopo uno sforo (io ho anche un decorso intramiocardico al tratto medio esteso per circa 33 mm e con profondità
di 2,1 mm) ?
Le faccio questa domanda, perché da qualche mese ho ripreso a correre (velocità media 7-8 km per un ora di corsa) e ad andare in bici (30-40 km) in media due volte la settimana, e non vorrei che il nuovo referto possa avere ripercussioni sullo sport.

Ancora grazie.

[#9]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Data la sua patologia sconsiglierei le attivita' sportive faticose.
Inoltre cambierei il beta bloccante che sta assumendo con Nebivololo o metoprololo, in modo di avere da una parte maggiore protezione miocardica e dall'altra un migliore controllo pressorio

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso