Utente
Gent.
mi Dottori,
vi forse più per una preoccupazione ma illustro la situazione.

Ho 39 anni e negli ultimi giorni ho avvertito un fastidio retrosternale, accompagnato a tratti da un senso di nodo in gola (sintomo che a volte è presente da solo).

Forse sono io che su temi cardiologici sono ipocondriaco, sarà che per un problema articolare alla mano ho assunto arcoxia 90 mg e sono rimasto preoccupato leggendo i possibili effetti collaterali, avendo contemporaneamente anche assunto alcolici durante i pasti, ma non riesco a essere tranquillo.

Premetto che due anni fa ho avuto episodi di extrasistole durati 5 gg, ma Ecocolordoppler, Holter e visita sportiva agonistica sono risultati nella norma.
La visita sportiva la faccio tutti gli anni, con test massimale su cicloergometro (l'ultima è di fine agosto 2020, tutto nella norma).

Avvertendo però questo nodo in gola, ammetto di avere un pò di preoccupazione.
Anche perchè dopo una decina di minuti di salto con la corda e qualche esercizio a corpo libero ho effettuato una misurazione con un ECG portatile a 3 derivazioni.
So che non può certo essere usato per fare diagnosi, ma mentre la misurazione tenendo lo strumento tra le eminenze tenar o tra l'indice mano dx ed il polso sx, non danno anomalie, se lo tengo tra il pettorale sx e l'indice mano dx, a volte mi dà una possibile elevazione del tratto ST.

Non so cosa pensare o come interpretare la cosa.

Ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Per leggere un ecg occorre aver fatto sei mesi di medicina essersi laureato e poi specializzarsi in cardiologia

Oppure sono stato cretino io a farlo ?
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Non è certamente mia intenzione "sostituire" la formazione in medicina con relativa specializzazione al risultato di uno strumentino acquistabile da chiunque. Aggiungo che non ho letto e interpretato io il tracciato ecg, i risultati riportati sono quelli apparsi sul display. È proprio perché non sono medico ma paziente (con la tendenza a preoccuparsi troppo) che vedendo queste "interpretazioni" dello strumento, diverse in base al punto di applicazione, accompagnate da una sintomatologia che forse è più questione di testa, che chiedevo a voi quanto possono essere affidabili, per un'indicazione di massima, questi strumentini e quanto quindi mi devo o non devo preoccupare. Senza nessuna pretesa.
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non sono infatti affidabili per lo studio del tratto St

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso