Utente
Buonasera, ho 44 anni e da circa 8 anni mi è stata diagnosticata la malattia di behcet.
Due anni ho avuto numerose ischemie cardiache transitorie con forte tachicardia e pressione alta; ho fatto una spect dove c'erano difetti di perfusione in sede settale inferiore, la coronarografia era negativa.
Mi sono state diagnosticate " angine del microcircolo".
Per due anni e fino a qualche mese fa all'elettrocardiogramma l'onda T risultava negativa, mentre persistono "alterazioni aspecifiche della ripolarizzazione".
Attualmente la pressione è ben controllata e solo ogni tanto ho delle crisi tachicardiche e dolori anginosi di breve durata.
Sono in cura con bisoprololo, ivabradina, cardioaspirina, atorvastatina.

Qualche giorno fa ho effettuato una risonanza cardiaca e il risultato è il seguente:
Ventricolo sinistro: Normali dimensioni cavitarie e spessori parietali.
Normale cinesi regionale e funzione sistolica
globale.
Strain longitudinale globale calcolato con software sperimentale = -18%.
Le immagini morfologiche T2-pesate con saturazione del
tessuto adiposo (STIR) non hanno evidenziato la presenza di aree miocardiche sospette per edema.
T1 mapping (in sede settale
medioventricolare con sequenza MOLLI): T1 pre-contrasto =1007 msec.
T2 mapping con sequenza True-Fisp (in sede settale
medioventricolare): 50 msec.

Ventricolo destro: Normali dimensioni cavitarie e spessori parietali.
Normale cinesi regionale e funzione sistolica globale.

Atrio sinistro ed atrio destro: Volume atriale sinistro calcolato con tecnica biplana =49 ml; volume atriale destro calcolato con tecnica
monoplana =69 ml.

Valvole: Non evidenti significativi vizi valvolari.

Aorta: Normali dimensioni del bulbo aortico e dell'aorta ascendente.

Immagini post-contrasto precoci: Non immagini riferibili a trombosi intraventricolare o a patologia ostruttiva del microcircolo.

Immagini post-contrasto tardive: Stria di enhancement intramiocardico (pattern non ichemico) in sede inferolaterale basale
SINTESI
-Normali dimensioni cavitarie e funzione sistolica globale biventricolare.

-Non evidenti chiare aree di edema a carico del miocardio.

-Alle immagini tardive postcontrasto focale rima di enhancement intramiocardico (pattern non ischemico) in sede inferolaterale basale.

In attesa di poter contattare la cardiologia che mi segue chiedo gentilmente una delucidazione sull'ultimo punto della risonanza.
Cosa vuol dire?
Necessito di ulteriori controlli?
Grazie mille per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
La sua malattia di base non crea quellke immagini alla RM
Hanno escluso una miocardite?
Quanto risulta la troponina HS?

grazie
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, grazie per la risposta.
la mia malattia può coinvolgere il cuore (come si sospetta per le pregresse ischemie);
La troponina non l'hanno fatta, ho fatto solo la risonanza e non so come si fa ad escludere una miocardite? Ho in mano solo il referto della RMN e domani proverò a sentire la cardiologa, nel frattempo chiedevo un parere sul significato di enhancment intramiocardico non di significato ischemico e se è necessario fare altri esami.
Grazie mille

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il dosaggio doveva essere eseguito al momento della risposta della RM
Dopo un eentuale evento acuto infatti tale dosaggio è quasi privo di significato
Lo esegua comunque

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Va bene, grazie mille