Dolore al torace e palpitazioni

Salve, sono un ragazzo di 21 anni, premetto che sono una persona molto ansiosa e in questo periodo sia a causa della situazione sia per problemi miei sono molto stressato.

Circa verso agosto ho iniziato ad accusare dei dolori nella parte sinistra del torace, dopo settimane che il dolore non passava ho prenotato una visita dal cardiologo.

Ho svolto la visita e un ECG ed era tutto nella norma, il cardiologo mi ha detto che il mio cuore era sanissimo a suo avviso.

Ha ricondotto i sintomi ad un disturbo d’ansia e mi ha dato delle gocce per lo stato ansioso.

Sono stato bene per qualche mese e adesso nell’ultimo mese mi è capitato di avvertire come se il cuore sfarfallasse, questi episodio si presenta circa una volta a settimana, sento come se saltasse un battito ma è una cosa che dura pochi secondi.

Nell’ultima settimana mi è inoltre ricomparso il dolore al torace, questa volta più localizzato al centro, dove c’è lo sterno per intenderci.

Secondo voi può essere tutto legato all’ansia?
O è meglio svolgere altri esami?
Se si che tipo di esame mi consigliate?

Ci tengo a precisare che 6 anni fa ho avuto 2 episodi di pericardite, nello stesso anno a distanza di circa 6/7 mesi l’una dall’altra, la prima scaturita dalla mononucleosi e la seconda recidiva.

Da allora ho sempre svolto controlli e non ho più avuto nessun tipo di problema.

Il cardiologo da cui sono stato a settembre mi ha detto che se avessi avuto una pericardite in corso l’ecg avrebbe comunque segnalato qualche anomalia e mi ha comunque rassicurato dicendo che difficilmente una pericardite di quel tipo si ripresenta a distanza d così tanto tempo.

Fino all’anno scorso ho svolto normale attività fisica senza riscontrare nulla, ora sono fermo da gennaio a causa della situazione covid.

Sono un fumatore ma non supero mai le 4 sigarette al giorno, anche se a causa di questa situazione ansiosa ultimamente sto praticamente smettendo, è qualche giorno che non sto fumando e presumo di non iniziare nemmeno più.
Al polso ho sempre uno Smartwatch, so che le misurazioni non sono accurate ma io ve le riporto lo stesso per premura, i battiti sono sempre abbastanza regolari anche se con anche leggeri sforzi arrivano sui 110/115, cosa dettata presumo dall’assenza di attività fisica, il mio battito la notte scende anche a 46 bpm.
So che le misurazione di questi apparecchi valgono poco ma ci tenevo comunque a farvele presenti.
Preciso che sono normopeso e non ho nessun altro tipo di patrologia o di problemi.
Vi ringrazio in anticipo per il tempo che dedicherete al mio consulto, attendo vostre delucidazioni e intanto vi porgo i miei saluti.
Vi aggiorno: stasera il dolore sembra pressoché assente, se non molto lieve quasi non percettibili, però mi è sembrato che il cuore sfarfallasse più del solito, ma tutti episodi che durano meno di un secondo ma mi lasciano comunque molto a disagio.
Dite che sono pericolosi? Non so cosa fare sono molto spaventato e in ansia.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,9k 2,6k 2
I dolori che lei riferisce non sono certo cardiologici ne’per tipo ne’ per durata.
Per cio che riguarda il senso di battito irregolare programmi con calma un holter

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per avermi rassicurato e per la rapida risposta, so che con il potere della telepatia non può darmi certezze ma questi sfarfallii per come si manifestano non sono pericolosi secondo lei?
Perché comunque quando mi capita di averli anche se durano meno di un secondo mi lasciano un attimo preoccupato, in quanto è davvero una sensazione sgradevole...
Quando in passato ebbi la pericardite avevo degli sfarfallii molto simili e del dolore toracico è questo che più di tutto mi ha fatto spaventare in questo periodo.
Da quella volta mi è capitato di ripresentarmi in pronto soccorso 2 volte con dolori toracici è una volta eseguiti i controlli sono stato liquidato dicendomi che soffrivo di forte ansia cosa di cui ne sono consapevole dato che comunque spesso arrivo a generarmi degli Stati di dolore solo con il pensiero, cosa per cui spesso vado da uno psicologo a parlare, in quanto sono rimasto traumatizzato da quell’episodio di pericardite.
Quando mi avevano ricoverato comunque mi avevano lasciato l’holter per giorni e siccome ne sui referti ne a voce mi dissero nulla penso che non erano niente di allarmante gli sfarfallii che provai all’epoca.
Già tipo 4 anni fa avevo degli sfarfallii come quelli che ho adesso ma nel giro di un mese si erano risolti da soli per questo non avevo approfondito la cosa, l’unica cosa in comune che trovo è che anche in quel periodo ero molto stressato, un po’ come mi sta succedendo in questo anno.
Comunque come da lei consigliatomi domani mattina chiamerò il mio cardiologo per organizzare un holter, le farò avere i risultati per un altro consulto intanto le auguro buon lavoro, l’unica cosa che le chiedo è non devo trascurare queste palpitazioni ma non devo nemmeno avere paura di addormentarmi la notte giusto?
Comunque domani dovrei avere anche gli esiti degl’esami del sangue che ho fatto per l’università, all’interno se non sbaglio ci sono anche PCR e VES, se quelli dovessero andare bene sarebbe già un fattore positivo riguardo ad un eventuale pericardite giusto?
Nulla ancora grazie e scusi se anche questa volta mi sono dilungato semplicemente ci tenevo ad essere dettagliato, buongiornata e buon lavoro.
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,9k 2,6k 2
Lei ha delle banali extrasistoli amplificate dal suo evidente stato ansioso, che deve essere curato da uno specialista

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa