Utente 915XXX
Buongiorno,
ho una tendinite causata dall’apertura di un sediolone con maniglia a molla per l cui apertura la mia mano era rivolta verso il basso. Il dolore è stato intenso e per diversi giorni non potevo fare movimenti. In particolare non potevo fare il movimento tipico di quando si scava una buca con le mani. Questo è accaduto a metà dicembre. Ho fatto una radiografia e non erano fratture.
Ho fatto quasi un mese di artrosilene, tre volte al giorno. Quindi due settimane fa ho tolto il tutore. Sembravo in via di guarigione, l’unico fastidio che avevo er quando mi capitava di ruotare verso il basso la mano e ciò mi provocava uno scatto del tendine sul pisiforme. In settimana ho avvertito un po’ di dolore nel fare i piegamenti sulle braccia. Venerdì, nel dare la mano ad una persona facendo il doppio movimento mano classica e stretta sportiva, ho avvertito una fitta. Ho continuato senza il tutore anche se quegli scatti tra venerdì e sabato erano più accentuati rispetto a prima. Stamattina nell’asciugarmi dopo la doccia ho fatto un movimento sbagliato e ho avvertito una fitta ancora più forte.
Il dolore è concentrato soprattutto sul pisiforme credo che si chiami così, per intenderci l’osso che sporge sul polso sul lato esterno. Ho fatto un impacco di ghiaccio ho preso un antinfiammatorio oki e ho rimesso il tutore e lo tengo fermo perché mi fa male. Il tutore e quello che blocca il polso. Cosa mi consigliate a questo punto?

[#1]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

tenga il tutore stabilmente per un paio di settimane e faccia una risonanza magnetica, quindi, si rivolga a un chirurgo della mano:

https://www.sicm.it/it/chirurghi-e-professionisti/i-soci/mappa-soci-sicm.html

Buona serata.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente 915XXX

Buonasera dottore,
lunedì ho fatto una ecografia. Il dolore è localizzato sul condilo ulnare e si irradia di qualche centimetro verso il braccio e verso la mano.
Le riporto il contenuto del referto.

L’esame del polso e della mano destra eseguito con sonda da 14,5 mhz ha mostrato: aspetto ispessito ed ipocogeno del tendine estensore del V dito con evidenza di sottile falda liquida peritendinea compatibile con esiti distrattivi. Normali i tendini flessori l’aponeurrosi palmare e l’eminenza tenar ed ipotenar.

Il mio medico di base mi ha prescritto deltacortene da 25 mg per 4 giorni e mezza compressa per altri 4, con protezione per lo stomaco.
Cosa ne pensa?
Io sono un po’ contrario al cortisone.
Integratori a base di bromelina possono essere utili secondo lei?

Grazie

[#3]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Personalmente propenderei per il riposo funzionale e terapie locali, non per via generale (più efficaci e senza effetti collaterali).
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale