Utente 395XXX
L'altro giorno sono caduta in bicicletta e ho riportato un profonda ferita di 2 cm proprio davanti al ginocchio nella parte inferiore a cui sono stati applicati 3 punti di sutura.

Mi è stato raccomandato di non piegare il ginocchio per 8 giorni, ma ormai al terzo giorno nel tentativo di tenere la gamba dritta ormai ho continui crampi muscolari a tutta la gamba.

Se non mi provoca dolore e i punti "non tirano" posso gradualmente con il passare dei giorni tenere la gamba un po' piegata?

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si accorgera' da solo piegando la gamba quale sia la soglia di trazione consentita. superata la quale aumentera' il dolore.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 395XXX

Grazie mille per la risposta.

Purtroppo dopo una prima visita dal medico mi ha diagnosticato un'infiammazione del nervo sciatico, che mi provocava la sensazione di crampi alla gamba.

Mi ha detto di non togliere i punti per 15 giorni e mi ha prescritto dicloreum da 150 mg per 5 giorni.

Il mio dilemma è che devo lavorare da casa seduta con la gamba quasi sempre tesa per i punti, non so esattamente cosa può aiutare a guarire dall'infiammazione oltre che ho il polpaccio completamente bloccato e cammino a "gamba di legno".

I dolori al polpaccio si fanno più forti dopo alcune ore seduta a lavorare nonostante l'antidolorifico e mi sento "gonfia" come dopo un viaggio in aereo.

Solitamente io lavoro a gambe incrociate e con la schiena dritta stile come i giapponesi, quindi stare seduta "normalmente" mi fa stare continuamente in tensione.

Aldilà delle cure non riesco a trovare un modo per stare tranquilla e lavorare senza avere tensioni ai muscoli, inoltre vorrei capire quali posizioni devo evitare per avere ulteriori problemi con il nervo sciatico.

Grazie in anticipo.

[#3] dopo  
Utente 395XXX

per semplice informazione, il dolore alla gamba era dovuta ad una trombosi venosa profonda.

Mi stupisce che nessuno mi ha posto la semplice domanda di familiarità dato che ho altri casi in famiglia e a 31 anni pratico attività sportiva in modo intenso.
Tutto questo unito al fermo per la ferita al ginocchio evidentemente mi hanno messo nella condizione di sviluppare una tromboflebite.

Confido nella pubblicazione di questo messaggio anche per chi in futuro potrebbe trovarsi nelle mie stesse condizioni, passando anche 10 giorni senza una diagnosi. Oppure di richiede un'attenzione medica in maniera preventiva in caso di ferite che potrebbero limitare la mobilità per diversi giorni indipendentemente dalla giovane età e dalla condizione fisica.