Tumore di klatskin

Gentile prof.
Grazi.


Avrei bisogno cortesemente di un consiglio se possibile, riguardante mio zio di 84 anni.

Nel 2020 dopo ittero facciale e bilirubina alta, gli è stato diagnosticato un colangiocarcinoma extraepatico (tumore di klatskin).

Per un eventuale intervento, ci hanno consigliato di rivolgersi in un Ospedale di Milano.

Siamo andati, ma non è stato possibile effettuare l'operazione, all'inizio dovevano fare la radio-embolizzazione, poi gli è stato solo messo uno stent, aveva la bilirubina molto alta.

Gli hanno prescritto il Deursil.

Ha fatto sedute di chemio e radio terapia all'università di Chieti dove attualmente risiede.

L'ultima TAC di luglio e i marcatori tumorali erano nella norma, poi purtroppo negli ultimi due mesi la situazione è peggiorata, i marcatori sono aumentati.
Inizio gennaio ha avuto un ascite addominale e al piede, perdita di peso e di appetito.

In Ospedale gli hanno prescritto Luvion e in caso non dovesse risolversi l'accumulo di liquidi, doveva ritornare in PS per il drenaggio.

L'ecografia di giovedì scorso ha accertato delle metastasi e ci hanno detto che non c'è più niente da fare, non era il caso nemmeno di fare la TAC.

Vorrei sapere per favore se il farmaco Pemigatinib
può essere utile per pazienti non operabili e con metastasi per aumentare la sopravvivenza?

La cardioaspirin e statine potevano essere utili in prevenzione delle metastasi?

(Ho letto diversi studi sulla loro efficacia, ma nessun medico lo ha prescritto)

La ringrazio per l'attenzione.

Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Viviana Frattini Chirurgo generale, Senologo 58 1 1
La chemio in tumore delle vie biliari ha delle strette indicazioni tra le quali una bilirubina inferiore a 7 e piastrine>70.000. Sono sicura che i colleghi hanno optate per il meglio .
Ed il meglio in oncologia è multifattoriale.
On particolare il tumore delle vie biliari rimane di difficile approccio . Sono sicura che le plurime opzioni scelte siano state l optimus per suo padre.
Le porgo i miei più cordiali saluti . Restiamo a sua disposizione

Dr. Viviana Frattini
specilista chirurgo oncologo

[#2]
Utente
Utente
Gentile dott.ssa Frattini,

La ringrazio per il riscontro.
Essendo molto debole, gli stanno facendo solo delle flebo di soluzione glicosata e prende un diuretico per l'accumulo di liquidi.
Il suo medico di base ci ha riferito di attivare le cure palliative.
Io volevo sapere se ci sono farmaci per il tumore di Klatskin con metastasi in fase avanzato ?
Avrei piacere anche se mi rispondesse un oncologo.

Cordiali saluti.
Cure palliative

Cosa sono le cure palliative? Una raccolta di video-pillole sui farmaci palliativi e la cura del dolore nei malati terminali.

Leggi tutto