Utente
Buongiorno a tutti,
premetto che ho 28 anni e che ho sempre avuto questo problema ereditario(mio padre ne soffriva), che si è aggravato in passato durante una gravidanza e per questo ho deciso di farmi operare "definitivamente".
Sono stata operata per delle emorroidi di II grado con la tecnica Milligan-Morgan 6 giorni fa, ho sofferto molto in questi giorni, cercando di limitare il dolore inizialmente facendo delle punture di Voltaren e prendendo Tachipirina come prescrittomi(oltre a bidet tiepidi con anonet), da ieri sono passata ad una crema anestetica locale Luan che sembra darmi un maggiore sollievo, ma ad oggi il dolore continua anche se di poco è migliorato rispetto all'immediato post-operatorio.
Premetto che alla visita di controllo due giorni fa mi hanno detto che andava tutto bene e stavo guarendo, quindi non ho infezioni.
Sono riuscita ad andare di corpo domenica, con abbastanza dolore e oggi che è giovedì, ma ho fatto molta più fatica inoltre ho perso ancora molto sangue e adesso continuo a svenire.
Vorrei sapere se è una cosa normale, se avrei dovuto rimanere completamente a digiuno per permettere alle ferite di rimarginarsi oppure se dovrei incominciare a prendere delle fibre (es. psyllogel) per facilitare l'evacquazione.
Mi hanno prescritto una dieta priva di scorie e ricca di liquidi,siccome ho mangiato molto poco (unicamente della pastina in brodo, del pure e della crescenza oltre a bere the con biscotti, succhi e 2 litri di acqua al dì) non saprei che alimentazione seguire, mi hanno detto di ricominciare a mangiare frutta e verdura tra qualche giorno ma nel frattempo non so cosa mangiare e ho paura per il prossimo appuntamento con il bagno.
A questo punto sarebbe meglio andare più spesso e ricominciare subito a mangiare frutta e verdura oppure permettere al tutto di riposare?
Vi ringrazio e Vi auguro una buona giornata

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Non sta facendo niente di sbagliato: lo scopo e' quello di mantenere le feci morbide, e mi pare che lei si stia adoperando al meglio in tal senso. Non e' consigliabile "fermare" l'attivita' intestinale (ammesso che possa riuscirci...) perche' questo complicherebbe la successiva evacuazione che comunque, prima o poi, dovra' avvenire!
Mi pare insomma che tutto rientri nella norma di un post-operatorio recente quale e' il suo: bisogna soltanto avere un pochino di pazienza.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,
seguirò i suoi consigli e cercherò di prendere delle fibre per non farmi trovare di nuovo impreparata al prossimo appuntamento con il bagno.
Vorrei inoltre chiederle se è normale notare una emorroide esterna a livello del canale anale ancora presente o se questo è indizio di una cattiva riuscita dell'intervento.
La ringrazio e la saluto cordialmente.

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Se e' esterna e' probabile che sia una marisca. E questo non e' affatto segno che l'intervento non sia riuscito!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com