Utente 172XXX
Gent.mo Dottore, prima di porle il mio quesito le faccio alcune premesse: innanzitutto sono celiaca, a luglio ho fatto delle analisi di accertamento prescritte dal mio gastroenterologo dalle quali non risulta nessuna anomalia. Ora da un pò di tempo continuo ad avere disturbi quali fastidio e dolore nella parte alta a sinistra dell'addome di norma poco prima di andare in bagno. Da pochi giorni ho preso l'abitudine di segnare su un quaderno quello che mangio e quando vado in bagno ed ho rilevato che vado in bagno ogni 2 giorni e con difficoltà, ma le feci si presentano normali. Seguo la dieta celiaca con precisione, ma sto cercando di capire se ci sono alimenti che mi disturbano, la mia alimentazione si basa su pasta, riso, carne, insalata. Pecco solo con la frutta che mangio poco, ultimamente sto mangiando del meloncino. Premetto che vengo da un periodo di forte stress e sto riprendendo attività sportiva. Volevo sapere se secondo lei la mia situazione è dovuta solo a stress o se è il caso che io faccia qualche ulteriore analisi specifica? Purtroppo vista la mia condizione di celiaca non so come recuperare le fibre può darmi qualche consiglio? Grazie e spero di poter avare una risposta.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Lo stress conta, certo. Ma magari non e' il solo responsabile: provi ad aumentare il consumo di verdure cotte e di acqua.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2]  
Dr. Edoardo Liberatore

32% attività
16% attualità
12% socialità
ATRI (TE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
C'è un esame, in passato più in voga, che si chiama Rx tempi di transito intestinale, che serve per vedere se la stipsi è legata ad una "pigrizia" di tutto IL COLON o solo dell'ultima parte (il retto). Questo potrebbe aiutare a capire se il suo problema sia meglio risolto da un trattamento dietetico-farmacologico (il kiwi e le prugne aiutano molto, il Movicol bustine è un prodotto pure utile) o da una "rieducazione" del retto a svuotarsi correttamente (si chiama biofeedback ano-rettale)
Dr. Edoardo Liberatore
Specialista in Chirurgia Generale
Proctologo