Utente
Gentili medici,
soffro di vaginite cronica da molto tempo , le cure che inizialmente facevano effetto mi hanno portato ad uno stato di sensibilizzazione della mucosa cronico e insopportabile oramai (bruciore interno e a volte edema esterno, tessuto fortemente infiammato e irritato rapporti impensabili da un anno). I medici non riescono a capirne la causa..sto inoltre tenendo sotto controllo una piaghetta (sono positiva all'hpv 33 ma le biopsie rilevano sempre flogosi e nient'altro).
Ora mi è venuto un grosso dubbio. Ho un'escrescenza di carne che esce leggermente fuori dall'ano (questa pallina mi venne per la prima volta 4 anni fa dopo un influenza intestinale durata un mese interno. In quel periodo presi molti antibiotici che mi provocarono il primo episodio di candida , curata solo dopo alcuni mesi. Da allora ho avuto molte recidive di candida (mai risultata però dai tamponi) e cistiti (esame urine e urinocoltura sempre negativi)fino ad arrivare a questo stato cronico, sopra descritto. Riguardo la pallina di carne (che allora mi dava fastidio e dolore ed era scesa un pò) la mia ginecologa mi disse che era un emorroide e mi fece applicare fissan crema che in poco tempo risolse il fastidio. Nonostante ciò da allora questa pallina è rimasta sempre lì, fissa, la sento ogni volta che mi lavo, non è fastidiosa ..solo in questi giorni sto avvertendo un leggero dolore. Ora ho cambiato ginecologo e stiamo tentando disperatamente , senza lumi, di risolvere questa vaginite ormai cronica e riguardo l'escrescenza di carne non ci ho più dato peso (il mio mio ginecologo non sa neanche della sua esistenza ). vi chiedo se è possibile che questa pallina possa in qualche modo influire su queste vaginiti e bruciori. Nel caso fosse un emorroide esiste una terapia per farla regredire nonostante stia lì immobile da 4 anni?
Vi ringrazio per l'attenzione

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
I metodi per trattare le emorroidi (se da uno Specialista questa diagnosi sara' confermata) sono tantissimi: la terapia locale con pomate e prodotti vari puo' frenare temporaneamente il problema ma di certo non lo risolve. Lei pero' credo che in questo momento abbia una priorita', che non e' quella proctologica... Per ora magari le pomate possono anche andare bene, ma quando il Ginecologo avra' risolto il disturbo di sua pertinenza potra' dedicarsi ad affrontare anche la patologia emorroidaria, naturalmente con l'aiuto appunto di uno Specialista del settore.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo Dott Spina, la ringrazio per la sua risposta.
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Di nulla.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com