Utente
Buongiorno, cerco di esporre per intero il quadro clinico. Nel mese di novembre 2012 mi sono rivolto ad un dermatologo perché avevo notato dei piccoli "foruncoli" nella zona perianale. La diagnosi è stata condilomi, subito asportati con il laser. C'è stato un secondo intervento a distanza di qualche mese, perché si erano formati altri "foruncoli" dello stesso tipo. Riferisco al dermatologo di soffrire saltuariamente di episodi di prurito anale, mi prescrive una crema cortisonica da applicare per un mese, alla sera, nella zona perianale. Finita la cura, per qualche periodo non ci sono problemi, ma all'inizio di giugno 2013 vedo che si sono formati altri "foruncoli" e una zona particolarmente arrossata tra ano e scroto. Richiedo una visita specialistica con un colon-proctologo, al quale riferisco la precedente diagnosi, trattamento laser, cura cortisonica. La diagnosi è stata che ci sono emorroidi di tipo 1 in condizioni normali e nessun problema di rilievo. I "foruncoli" non sono condilomi ed il problema è di natura dermatologica. Su suo consiglio, mi rivolgo ad un altro dermatologo, eseguo esami del sangue completi, test sierologico, scotch test, esami urine, esami feci, copro-coltura. Tutti i valori sono nella norma/negativi. Inizio ad applicare al mattino MonoDerma E5, alla sera Ceramol Beta Complex, dopo cena, mezza compressa di Atarax. La situazione sembra migliorare leggermente, da un mese non mi sveglio più di notte con attacchi di prurito. Oggi dopo aver defecato, fatto la doccia e asciugato accuratamente la zona perianale per applicare la crema, mi accorgo che l'ano è bagnato da un liquido trasparente e appiccicoso. Altre volte ho notato queste perdite sulla biancheria intima, di solito quando ho lo stimolo a defecare e per qualche motivo non riesco ad andare subito al bagno. Può essere questa perdita di muco la causa della dermatite e del prurito? Ricordo che ne ho sempre avute, ma non hanno mai causato problemi. Sono una persona molto emotiva e nervosa, purtroppo questa situazione è veramente fastidiosa. Cosa potrei fare capire le cause e tentare di risolvere?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La dermatite potrebbe anche essere determinata da tali perdite anali. Ma non vedo motivi di allarme. Segua pure i suggerimenti del dermatologo.


Cordialmente


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, la ringrazio per aver risposto, continuerò la cura che mi è stata prescritta e andrò alla visita di controllo fra qualche settimana.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Auguroni.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it