Utente
Salve,dopo visita proctologica è risultato un gavocciolo di emorroide esterna di 3° grado,non trombizzato,senza prolasso del plesso interno . Vorrei tenere sotto controllo i sintomi che al momento sono di bruciore e leggero dolore, senza emissione di sangue.Classica cura di daflon e mesalazina con risultati non risolutivi.
La mia dieta non comprende cibi piccanti,cioccolata,alcolici né verdure se non legumi.
In sostanza mangio pane,pasta, formaggi, 400ml di latte al giorno,carne quasi mai fritta,prosciutto,frutta e non fumo.
Pur facendo vita sedentaria, sono sempre stato regolare nella defecazione.
Ora, per avere un po' di pace, visto che i sintomi perdurano 12 ore o più dalla defecazione, vado di corpo una volta ogni 2 giorni. Ma poichè le feci risultano dure, l'atto risulta un po' difficoltoso e leggermente doloroso. Ho provato a bere un litro di acqua al giorno, ma le feci, pur essendo più morbide, diventano irritanti. Non capisco bene il perchè di questo, ho provato a ridurre il latte,ma niente. E' ipotizzabile una qualche allergia come causa delle feci irritanti? Chiedo se il continuare a defecare con feci dure possa produrre altri danni magari anche al plesso interno. Inoltre, l'eventuale intervento chirurgico sarebbe solo di tipo escissivo (senza possibilità di "lifting" quindi), con relativo decorso doloroso?
Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
<<E' ipotizzabile una qualche allergia come causa delle feci irritanti?>>

no, le feci acide possono invece determinare delle dermatosi anali (che vanno osservate).


<<Chiedo se il continuare a defecare con feci dure possa produrre altri danni magari anche al plesso interno>>

La stipsi e le scibale fecali dure sono potenzialmente lesive per la cute anale e congestionanti per il pllesso emorroidario.


L'intervento non può essere ipotizzato online,
... ma (se necessario) consigliato solo dopo visita diretta.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta.
E dunque cosa si può fare per evitare le feci acide?
Inoltre, parlando dell'intervento, intendevo chiedere se per le emorroidi esterne è tecnicamente escluso il lifting o potrebbe essere valido (ovviamente dopo valutazione diretta del mio stato)?

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Deve aumentare il consumo di fibre oltre che seguire le norme dettatele dal suo proctologo.

Un intervento chirurgico è indicato solo se i sintomi condizionano marcatamente la qualità della vita e non migliorano con terapia medica.

Tecniche di "lifting" vengono considerate specie nei casi di prolasso emorroidario ... ma si tratta di argomenti che non possono essere discussi con oggettività ... online,
... l'ultima parola spetta necessariamente al suo proctologo!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it