Utente
buonasera.
mi è capitato 3-4 volte nel corso della mia vita,di soffrire di un emorroide trombizzata.ora è risuccesso e vorrei spiegarvi "la storia".
sono andato dal dottore,perchè da tempo soffrivo di un vago fastidio nella zona anale,niente dolori sanguinamenti e niente,ma solo la sensazione di una presenza.
nel visitarmi non mi è stato trovato nulla di particolare,pensando che si potrebbe trattare di sfintere troppo teso a causa dello stress (io cmq ho ssempre sofferto un pò di emorroidi).
nel visitarmi però,sentivo un leggero dolore/bruciore in un punto preciso,mentre nell'altra parte dell'ano non sentivo nessun particolare fastidio.
quando sono andato al bagno,successivamente,ho sentito un bruciore in quel punto,e un pò di sangue nelle feci.successivamente,l'emorroide esterna che si trovava in quella "traiettoria" diciamo , si è gonfiata e si è trombizzata,col classico dolore/fastidio.
ora ho fatto punture di Hirudo comp. e pomata Avenoc e Arnica al 20% e devo dire che piano piano si sta riducendo.oggi però,nell'andare al bagno temo che questa vena si sia rotta,perchè ho avuto un pò di sangue sia li per lì che dopo nel corso della giornata (cosa che mi è sempre successa durante gli altri trombi avuti,che però si era manifestata subito,mentre stavolta solo dopo 4 giorni e "tutto insieme").
ora,più che consigli (a meno che qualche dottore non si sente qualcosa di urgente da consigliarmi) vorrei chiedere: come fa un'emorroide a trombizzarsi? basta uno stimolo "forte"?(che può essere delle feci durissime,o nel mio caso,un dottore che stimolava quella zona)in caso fosse così cosa mi "distingue" da una persona normale,che (può capitare) se va al bagno con difficoltà al massimo ha un pò di dolore li per lì e basta?? oppure sono io che ho quella zona delicata??(lo dico perchè il resto dell'ano è praticamente intatto)
grazie in anticipo
cordiali saluti

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La trombosi di un gavocciolo emorroidario e' un evento imprevedibile e non correlato a particolari eventi.A volte addirittura pazienti asintomatici sviluppano questa complicanza come prima manifestazione della malattia emorrodaria.
La terapia in corso ed eventuali indicazioni successive le verranno indicate dal collega che la segue personalmente.
Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it