Utente 437XXX
Buongiorno. Sono qui per chiedere un parere su un sintomo che ho da un anno, ogni volta dopo i pasti ho un impellente bisogno di andare di corpo, forte spinta e forti dolori ai muscoli del basso addome, soprattutto agli inguini, che sento bloccati come da uno strappo muscolare e il dolore è lo stesso. Appena vado in bagno, dove defeco pochissimo e mi libero in tempi abbastanza celeri, non la solita ora e mezza del mattino, ma mi rimane sempre lo stimolo anale e sento come se non avessi fatto tutto. Il problema è che tra 2 settimane devo andare da un parante e devo fare 10 ore di auto e altre 10 per tornare a casa. Mi chiedo come farò a mangiare per la strada, ovviamente non potrò, altrimenti mi chiedo dove potrei andare di corpo, inoltre ci metto un po' a finire di liberarmi del tutto. Inizio defecando subito tempi brevi, entro 15 minuti, ma ci metto un po', circa altri 20 minuti mezz'oretta, per finire, alle volte mi sbrigo a defecare come mi siedo sul wc e poi ci metto 20 minuti a finire. Come faccio in un bagno di autogrill se ci impiego mezz'ora o più ? Non sarei capace. Se il mio è intestino irritabile lo vorrei sapere perché nessun medico da cui sono stata per problemi di defecazione frammentata, nausea dopo defecazione, senso di tappo rettale, mi ha mai fatto una diagnosi. Mi sono state date fibre e i dilatatori per un ipertono anale ma nulla per gli altri disagi. Io non esco più da casa ne faccio cene da parenti come un tempo. Appena mangio, a volte solo 1 caramella, mi viene un forte stimolo rettale e una insopportabile pienezza nel basso addome sia anteriore che posteriore a livello del cocige e soprattutto lo "strappo inguinale" e vado al bagno piegata e con passi corti a causa della tensione inguinale. Devo affrontare questo viaggio e così non posso andare ma devo... Cosa posso fare? Grazie

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Prima di fare una diagnosi, in un caso come il suo, occorre fare una visita accurata e, se necessario, una serie di esami strumentali per capire come si muove il suo colon e come si muovono i muscoli del pavimento pelvico.
Le consiglio (a distanza non posso fare altro) di parlare con il gastroenterologo di fiducia spiegando bene i suoi sintomi: solo dopo una visita accurata si potranno programmare, ove necessari, gli esami del caso.
Resto a sua disposizione!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia