Utente 521XXX
Salve,
nel febbraio 2017 ho scoperto, dopo ecografia con sonda rotante, di avere una fistola perianale.
Con lo stesso chirurgo che mi ha fatto l'ecografia, si è deciso di intervenire chirurgicamente per rimuoverla. Da allora ho subito i seguenti interventi chirurgici, nel corso di due anni:
- fistulectomia + posizionamento setoni
- posizionamento di protesi tipo curaseal
- rimozione CAP Curaseal
- fistulectomia + posizionamento setoni (questo perchè, a 6 mesi dall'intervento del posizionamento protesi, avevo ancora perdita di pus. Il chirurgo mi ha portato in sala operatoria solo per valutare la situazione e, solo in sala, ha deciso di posizionare di nuovo i setoni)
- fistulectomia parziale + posizionamento setoni(inizialmente questo intervento doveva essere per fare un curettage ma, vedendo il tratto fistoloso, il chirurgo ha deciso di riposizionare i setoni)
- fistulotomia + sfinteroplastica. Si è deciso di procedere con questo intervento perchè la fistola, dopo i setoni era "scesa" a soli 1.3 cm di profondità dall'ano.

Ad oggi, dopo 12 giorni dall'ultimo intervento, nonostante io sia stato sempre a letto(limitando i miei movimenti solo per mangiare o andare in bagno) continuo ad avere perdita di pus e dall'orifizio esterno della fistola avviene drenaggio di aria e feci(in minima quantità) quando vado in bagno, avvertendo in seguito bruciore.

Volevo sapere se:
1) è normale affrontare così tanti interventi chirurgici per una fistola perianale
2) se sia normale che, dopo intervento di fistulotomia, ci sia drenaggio dal canale fistoloso. Da quel che mi è stato spiegato, la fistulotomia, o messa a piatto, doveva chiudere con punti di sutura tutto il tratto fistoloso.

Grazie mille.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
A distanza e senza una precisa descrizione del tragitto della fistola non è possibile esprimere nessun giudizio.
Esistono fistole complesse che necessitano di più interventi, sarà stato il suo caso?
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com