Utente
Buonasera gentilissimi medici, vi espongo la mia situazione ed i miei quesiti in merito, ringraziando anticipatamente per il vostro consulto.
Sono una donna di 57 anni, ho eseguito diverse visite ed indagini per pregressa e continua ematochezia, che hanno portato ai seguenti risultati:
- Colonscopia eseguita nel 2014 riscontrava:
Emorroidi esterne e papilla anale ipertrofica. - - Prima visita chirurgia generale l'8/09/2018:
All'ispezione prolasso mucoemorroidario severo e papilla anale ipertrofica ad ore 9. All'esplorazione tono dello sfintere anale nella norma. Alla manovra di Valsalva iniziale prolasso muco-mucoso rettale. Si consiglia intervento chirurgico previa esecuzione defecografia.
- Referto defecografia eseguita il 7/11/2018:
L'esame contrastografico ha mostrato regolare angolazione retto-canale anale in fase di riposo e regolare contrazione/rilassamento della fionda pubo-rettale. In fase evacuativa comparsa di piccolo e non significativo rettocele anteriore da pulsione e di prolasso muco-mucoso rettale interno ed in parte in tra canali colare. Non segni di enterocele statico e/o dinamico.
- Visita di controllo chirurgia generale il 4/12/2018:
All'ispezione della regione anale persiste papilla ipertrofica ad ore 9. Miglioramento del prolasso muco e morto orario. La paziente viene edottasulla possibilità di dover trattare il prolasso muco e emorroidi rio ed il prolasso muco-mucoso rettale in due tempi. Si mette in lista per intervento.
Quindi mi è stato programmato il primo intervento unicamente sul prolasso rettale il giorno 11/01/2019, solo che invece in sede di sala operatoria è andata diversamente e riporto qui sotto la relazione dell'intervento:
Diagnosi operatoria: Prolasso rettale - Polipo anale e rettale - Emorroidi esterne con altre complicazioni
Tipo di intervento: Altra resezione del retto - Altra asportazione o demolizione locale di lesione o tessuto dell'ano - Asportazione delle emorroidi
Asportazione con bisturi a radiofrequenza dei gavoccioli emorroidari contesti a ore 5-7-11. Asportazione del polipo peduncolato anale. Si procede successivamente a resezione della quota anteriore prolassata mediante intervento di STARR con stappler PPH03 (singolo colpo previo confezion di paracadute ant)Emostasi con punti di Vicryl 3/0 lungo la rima di sutura.Zaffo di tabotamp.Foley transanale.
Ora tralascio l'inferno che ho passato nel post intervento davvero inimmaginabile, ma attualmente, a 29 giorni dall'intervento ho ancora dolori e bruciori nella zona anale, aggravati dal dolore intenso continuo che mi provocano due punti che fuoriescono dall'ano (visibili e presenti al tatto) e "pungono" sulla parte opposta alla loro posizione con le loro estremità.Al controllo mi hanno detto di non poter toccare nulla, hanno solo guardato, dicendomi di avere pazienza e che ci vuole ancora tempo(in termini di mesi!) ma possibile che non siano ancora caduti?Inoltre accanto ai punti ci sono come due palline sporgenti, di pelle sottilissima,è normale?

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Dipende dal tipo di sutura utilizzata, i tempi sono variabili. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la celere risposta, il tipo di sutura se non erro è riportato nella relazione dell'intervento che ho trascritto sopra:"Emostasi con punti di Vicryl 3/0 lungo la rima di sutura.Zaffo di tabotamp.Foley transanale." Mi saprebbe dire orientativamente quanto tempo occorre perché quei punti vengano via? Si parlerebbe in termini di decine di giorni o di mesi (come mi hanno accennato al controllo) ?
Per quanto riguarda invece quelle due "palline" sporgenti ai lati dell'orifizio anale e confinanti con i punti, è normale che ci siano e poi regrediranno con il tempo o sono ancora emorroidi da dover trattare in seguito?
Chiedo scusa per queste domande ma sono molto afflitta innanzitutto per i dolori ancora importanti e persistenti e poi perché da parte dell'ospedale dove son stata operata non ricevo alcuna assistenza o spiegazione durante le visite di controllo: si limitano solamente a guardare a distanza, seguitando a dire che non possono metter mano in quanto per il tipo di tecnica utilizzata per fare l'intervento non si può fare nulla, né medicazioni né altro, ed io devo solo avere pazienza che dovranno trascorrere due tre mesi ancora prima di potermi ristabilire.
Intanto non posso stare seduta (meno che mai utilizzando una ciambella) in piedi nemmeno se non per qualche minuto, sono costretta a stare distesa sul letto la maggior parte del tempo e senza indumento intimo perché venendo a contatto con la ferita provoca molto dolore
Grazie infinite per la risposta

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
60 giorni
Andrebbe visitata per dirlo.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie infinite per le risposte,come aggiornamento aggiungo che ieri ho effettuato la visita di controllo,ad un mese e mezzo dall'intervento,e quei due punti sul bordo esterno dell'ano,li ha tolti il medico finalmente e si è alleviata la tortura!Mi ha confermato inoltre che ci vorranno ancora un paio di mesi per ristabilirmi totalmente perché ci dovrebbero essere ancora punti interni che devono assorbirsi autonomamente.Il medico poi mi ha congedata frettolosamente ed io rivolgo a voi,gentilissimi medici questa ulteriore importante domanda:prima dell'intervento ho acquistato un pacchetto in palestra di dieci sedute di Vacuum, un tapis-roulant che con un'imbracatura crea una forte pressione che spinge verso il basso per simulare una camminata in salita e con molta resistenza,ora cortesemente vi chiedo,è il caso di evitare per ora di riprendere quelle sedute,dato che reduce da prolasso rettale e con i punti ancora interni,la forte pressione verso il basso del tapis roulant potrebbe fare danni, ed eventualmente sarebbe il caso di evitarlo del tutto questo esercizio? Inoltre,nel medesimo pacchetto ci sono anche alcune sedute di elettrostimolazione su tutto il corpo mediante una tuta,ed in questo caso,anche le vibrazioni provocate possono essere sconsigliate nel mio caso?Perdonate la mia ignoranza ma non vorrei fare danni dato che l'intervento subito è stato molto delicato.Ringrazio ancora di cuore per la vostra squisita disponibilità ed attendo risposta.