Utente 645XXX
Buon pomeriggio,
da anni soffro di un severo prolasso emorroidale, che per ragioni di salute generale (severa insufficienza cardiaca fe 17%) i chirurghi preferiscono non operare. Chiedo cortesemente quale sia il miglior metodo per fermare eventuali sanguinamenti, considerato anche il fatto che assumo anticoagulanti (Vedi Coumadin), non so se va bene impacchi di acqua calda, tiepida o fredda e/o anche altre metodologie a me sconosciute. io dopo aver evacquato e fatto il bidè uso soltanto una pomata da banco che si chiama Neo fitoroid con la quale pero' mi trovo bene, ed una volta che il prolasso risale in sede io sono come nuovo.
Grazie et saluti.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Situazione complessa. Anche l'anestesia locale è stata considerata un rischio eccessivo? nel caso, previa sospensione dell' anticoagulante ed eventuale sostituzione con epbm si potrebbero considerare legature elastiche mirate ma andrebbe visitato per capire se puo' aver senso o meno. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 645XXX

Grazie mille dottore, e' che sono appena uscito malconcio da un intervento di EVAR per un AAA che ha presentato complicazioni per fortuna risolte. Io desideravo solo sapere se per sanguinamenti e' meglio usare l'acqua calda, fredda oppure tiepida, in quanto i consigli che mi sono stati dati sono discordanti. Ora come ora qualsiasi intervento chirurgico e' improponibile, infatti l'insufficienza cardiaca e' solo uno dei molteplici problemi di salute che sto affrontando da anni. Grazie comunque per la sua risposta.