Utente 546XXX
Salve gentili dottori,sono una ragazza di 28 anni e da mesi convivo con una situazione che mi crea molto disagio. A gennaio ho avuto un'emorroide esterna che non mi ha dato grandi fastidi,ma solo a livello psicologico nel senso che non l'ho mai accettata. Dopo una settimana ho avuto gastroenterite, con molte scariche di diarrea,protratta per più di una settimana,curata con Rifacol.L'emorroide dopo 3 settimane è rientrata , ma da allora sento sempre una pressione anale o rettale,non capisco a dir la verità, solo quando sto seduta o stesa..Se cammino no! Il medico curante mi ha fatto fare un mese di pentacol gel rettale e mi sono sentita subito meglio a dire la verità in attesa della visita proctologica che mi faceva tanta paura. Poi a maggio mi son convinta a fare visita proctologica con anoscopia e il medico non ha trovato nulla di patologico,solo una microscopica emorroide interna al lato sinistro e una lieve proctite. Come cura mi ha dato topster supposte 2 volte al giorno, ma non miglioro..Ho sempre questo peso,questa tensione interna che mi sta mandando in tilt,e mi sento sempre irritata,ogni tanto al lato sinistro arrivano delle leggere pungiture. Tutto ciò mi sta influenzando tanto negativamente a livello psicologico. Ho tanta paura di ciò che mi può succedere. Vi ringrazio per l'attenzione

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, comprendo il disagio, ma da ciò che descrive, non penserei a cose più gravi, é pur vero che comunque se con la cura dello specialista il problema non regredisce, lo stesso vada informato del disturbo, per migliorare la terapia o ipotizzare anche altre cause dei sintomi.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente 546XXX

Grazie per la sua risposta gentile dottore. Il medico l'ho informato e mi ha risposto che non devo fare più nulla come cura,io invece volevo ritentare con la mesalazina che mi faceva stare molto meglio. Anzi mi ha fatto preoccupare al telefono dicendomi che potrebbe trattarsi di un prolasso e sono molto spaventata di questa ipotesi

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, se vi è un prolasso, vi è un problema organico per il quale purtroppo la mesalazina da poco beneficio, comunque se aveva avuto in precedenza beneficio, vuol dire che c'era una componente infiammatoria associata, ma il tutto va fatto sotto il controllo dello specialista.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#4] dopo  
Utente 546XXX

Ma secondo lei la mia sintomatologia può portare al prolasso? Durante la visita il medico non mè ne ha parlato! Forse dovrei presentare sintomi più gravi credo! Ma il prolasso con quale esame si verifica? Durante la visita proctologica con anoscopia non si sarebbe visto?

[#5]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
No, durante la visita anche con anoscopia se non è esterno non si evidenzia. La defecografia è un esame che può evidenziarlo, ma comunque l’esame va interpretato dallo specialista per stabilire se realmente è la causa dei sintomi descritti.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza