Utente 462XXX
Salve,
premetto di sapere perfettamente che senza sottoporsi ad una visita è difficile diagnosticare ma spero di ricevere comunque qualche informazione in più riguardo la mia patologia.
Sono una ragazza di 27 anni con diversi problemi intestinali quali intolleranze e colon irritabile e ad inizio febbraio è iniziato il mio calvario. Un giorno durante le normali procedure di igiene intima noto un rigonfiamento a livello perineale e un fastidio all'interno dell'ano come fosse un'emorroide.
Inizio ad applicare Proctolyn ma dopo 2 giorni non notando miglioramenti decido di effettuare una visita ginecologica.
La dottoressa mi diagnostica una bartolinite, mi dice di applicare più volte al giorno pomata all'ittiolo e di fare lavaggi ammollo in acqua tiepida con detergente apposito e/o camomilla e successivamente allo scoppio applicare Gentalyn beta tutto senza prescrivermi terapia antibiotica.
Dunque nel giro di 3-4 giorni avrei dovuto risolvere..purtroppo però il giorno seguente alla visita ho avuto un peggioramento, il dolore si era fatto più forte e avevo difficoltà a camminare (fino a non poterlo fare più nei giorni successivi).
Comincia febbre a 40 con deliri, dolore straziante e altri sintomi insopportabili fin quando dopo 2 giorni mi reco in pronto soccorso e finalmente scoprono che ho 2 ascessi perianali; mi segnano l'Augmentin e mi dicono di tornare dopo 4 giorni x l'incisione.
Seguirono giorni durissimi poiché a causa di vomito continuo dovetti smettere l'assunzione dell'antibiotico e nel frattempo ci mettemmo alla ricerca di uno specialista proctologo.
Il giorno della visita (1 ora prima!) il destino ha voluto che l'ascesso scoppiasse da solo e non entro nei dettagli di quello che è potuto uscire da lì! Eseguo la visita con diagnosi di ascesso a ferro di cavallo, la medicazione e finalmente la dottoressa mi prescrive 12 iniezioni di Rocefin.
Il dolore era sparito, il gonfiore rimase x un bel po' ma nel frattempo effettuo ogni giorno medicazione con infermiera (il che mi è costato abbastanza) e lavaggi da sola con Amuchina.
Dopo un mesetto comincio a stare meglio e a riprendere le mie attività quotidiane fino alla settimana scorsa quando dopo aver alternato x 1 mese diarrea e stitichezza a causa delle mie patologie e di stress intenso, avverto un forte bruciore.
Mi reco di nuovo dalla dottoressa che comunque avrebbe dovuto ricontrollarmi e mi dice che si stava formando la fistola. Mi scrive Vagilen 4 cpr al di e i soliti lavaggi.
Segue un peggioramento stavolta diverso dalla precedente con dolore dato dal bruciore e dopo 3 giorni di antibiotico di nuovo l'ascesso scoppia da solo ma con minore intensità.
Ora sto facendo nuovamente medicazioni ma purtroppo mi ritrovo con una ferita larga (ecco cosa era quel bruciore!)e non con quel buchino dell'altra volta che secondo l'infermiera va tenuta asciutta quindi niente ammollo e solo fisiologica x pulire.
La dottoressa vuole operarmi senza fare prima esami strumentali, è giusto?
Grazie e scusate!

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Nel caso di ascessi/fistole perianali, OCCORRE SEMPRE escludere una malattia infiammatoria intestinale (IBD).
Faccia una visita gastroenterologica, il gastroenterologo dovrà escludere tali patologie.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 462XXX

Grazie x la rapida risposta dottore!
Da anni sono in cura da un gastroenterologo (anzi veramente ne ho consultati diversi!) e piano piano siamo arrivati alla sola diagnosi di colon irritabile oltre all'intolleranza scoperta con il breath test.
Dunque ogni tanto mi prescrivono una terapia x il colon compresa di integratori e prodotti x eliminare l'aria in eccesso che è tantissima e compromette anche tutte le ecografie dell'addome che effettuo spesso, una dieta ricca di fibre x regolarizzare le evacuazioni e basta.
Io nella mia ignoranza sono convinta che questa mia condizione intestinale sia correlata a questi ascessi e a tutto il resto ma cosa posso fare x scoprirne la causa?e soprattutto è così urgente operare prima di indagare???
Grazie

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non avendola visitata non posso dire nulla più di quanto detto.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia