Utente
Buongiorno,
da un mese circa soffro di forti dolori all'ano che si accentuano dopo la defecazione mattutina e proseguono per diverse ore.

Effettuata una visita proctologica la scorsa settimana, il referto è: "Prolasso muco-emorroidiario di III grado e ragade anale".

Lo specialista mi ha prescritto Daflon (6 per 10 giori poi 4 per 10 giorni), Antrolin crema e dopo dieci giorni Levorag crema, Laevolac 1 cucchiaio mattino.

Il medico mi ha suggerito un intervendo chirurgico di prolassectomia con stapler.

Non avendo mai avuto degli episodi così dolorosi ma solo eventi sporadici emorroidiari negli anni vorrei sapere se è un tipo di patologia che può in qualche modo regredire o, in caso, se ci sono interventi alternativi all'operazione chirurgica o se è l'unica soluzione possibile.

Premetto, se può avere una valenza, che data la situazione circostante, in questi mesi ho svolto pochissima attività fisica e purtroppo molto sedentaria legata anche al tipo di lavoro che mi vede costretta a lavorare da casa ormai da divesi mesi.

Ringrazioe per il supporto, cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Purtroppo no!
Non esiste nessun farmaco o rimedio naturale che può far ridurre il grado di un prolasso emorroidario.
I farmaci ed i rimedi naturali possono solo ridurre la sintomatologia associata.
La necessità di un intervento chirurgico nasce dal fallimento della terapia farmacologica, dall' intensità della sintomatologia e dalla frequenza con la quale questa si ripresenta.
Condivisibile, in assenza di un miglioramento della sintomatologia emorroidaria, l' intervento di prolassectomia ed emorroidopessi.
A distanza non è possibile valutare, in percentuale, quanto della sua sintomatologia sia da ascrivere al prolasso e quanto alla ragade.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno, scrivo sempre in merito alla patologia diagnosticata dal proctologo: ragade + prolasso emorroidiario di III grado per chiedere due cose:
è normale che dopo due settimane di terapia con Daflon e Antrolin crema i miglioramenti siano molto lievi e il dolore mattutino sempre molto persistente e acuto?
Da qualche giorno accuso dei dolori al coccige in concomitanza dei dolori anali post evacuazione, può essere legato alla patologia?
Ringrazio come sempre per la cortesia.