Utente
Gentili Dottori,
Da circa 2 mesi soffro di emorroidi, premetto di averne sempre sofferto, ma come adesso no. Dai primi sintomi, ho cominciato ad usare una crema PROCTOSOLL per 10 giorni, senza ottenere risultati, così mi sono rivolto al medico di famiglia che mi ha prescritto DAFLON più PROCTOSOLL per 8 giorni, passati gli otto giorni non ho avuto risultati soddisfacenti anzi peggioravo. Mi sono rivolto al pronto soccorso che mi ha prescritto una rettoscopia dalla quale è risultata un INTENSA CONGESTIONE EMORROIDARIA. Per risolvere la cosa i dottori mi hanno prescritto il VENORUTON per altri 8 giorni ma passati i giorni di terapia i risultati non sono cambiati. Quando una persona mette tutta la sua buona volontà senza ottenere risultati, tenta sempre il tutto per tutto, mi sono così rivolto ad un proctologo privato (alla cieca cioè senza conoscerlo), dopo aver visto la mia diagnosi mi ha fatto un INIEZIONE SCLEROSANTE (e dato una serie di appuntamenti per continuare queste iniezioni) perchè avevo anche un prolasso rientrante,in più TOPSTER SUPPOSTE 2 al giorno. A distanza di una settimana il prolasso non rientrava più così mi ha sottoposto oltre all' iniezione sclerosante anche all' INFRAROSSI. La situazione per le emorroidi interne sembra migliorata (sono solo alla seconda seduta) ma per il prolasso esterno è sempre un po dolorante, soprattutto quando sudo. Il proctologo, dice che non sono da operare, ma devo cercare di avere delle feci molto molto molli e per questo devo prendere il LATTULOSIO. Volevo chiedere un vostro parere sulla terapia sclerosante e sugli infrarossi, ma quello che mi preme sono i tempi di ripresa, calcolando che ho fatto già 2 terapie sclerosanti e un infrarossi e la prossima settimana ne farò ancora una prima di andare in ferie.
Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La terapia scelrosante, come le legature elastiche, sono in genere efficaci nel II grado soprattutto se il sintomo principale è il sanguinamento. In caso di persistenza o recidiva della sintomatologia, è da considerare la terapia chirurgica. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it