Utente 271XXX
Gentilissimi dottori.
Ho 48 anni.
Mi è stato appena tolto, chirurgicamente, dal mio dermatologo un nodulino rossastro che diventa color carne se si tiene per un pò schiacciato, di consistenza dura, non dolente, del diametro di 0,5 cm nella parete laterale esterna del piede sinistro e precisamente sotto il malleolo. In prima istanza, il medico mi aveva quasi tranquillizzato dicendomi che molto probabilmente si trattava di un fibroma a pasticca. Mi ha così prescritto una terapia per 20 gg con una pomata cortisonica. Ma quando, al controllo, si è accorto che la lesione non si era ammorbidita, ha deciso per l'intervento in quanto non era più sicuro della diagnosi. Questo fatto mi ha preoccupato tantissimo anche perchè dovrò aspettare l'esito dell'esame istologico, e per me che sono ipocondriaco, l'attesa è una cosa devastante. A questo punto io sono convinto che lui sospetti qualcosa di brutto. E' lecito pensare che possa trattarsi di un tumore maligno? (con metastasi?) o è stato un'eccessiva prudenza da parte sua?
Faccio notare che il nodulo penso di averlo da circa 4, 5 mesi e che prima che lo scoprissi, ricordo di aver tirato via con forza, nello stesso punto, qualcosa come un foruncolo (credo!). Cosa ne pensate?
Vi ringrazio anticipatamente e attendo con ansia una vostra risposta.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

penso semplicemente che un qualche giorno di pazienza sarà il miglior viatico per condurre a certezza il dubbio diagnostico del collega mediante l'esame istologico cutaneo: mi sembra inverosimile indurre ulteriori elucubrazioni; magari poi siamo a disposizione per il commento su questo referto, se ancora persistono dubbi e perplesità.

Carissimi Saluti.

Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 271XXX

Scusatemi se insisto.
Ma non era forse meglio rivolgermi ad un ospedale attrezzato dove, magari,per essere più sicuri dell'esito dell'operazione, avrebbero adottato sistemi complementari all'operazione stessa? (Radioterapia o qualcosaltro?).

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Non faccia confusione:
la diagnosi è una cosa e la terapia è un'altra: la radioterapia è una di queste e proprio non c'entra nulla con il suo problema che va anzitutto definito in sede diagnostica.
Saluti.

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
gentile paziente,
mi space per la sua ipocondria ma direi che il collega da lei interpellato ha agito in una maniera molto corretta, richiedendo un esame istologico.
Se anche si rivolgesse ad un centro specializzato non potrebbe saperne di più anche perchè ora non c'è più niente da togliere e da esaminare. Aspetti con fiducia e tranquillità la risposta, senza avere paura di chissà che, senza dar corpo alle sue paure che sono poi le paure di tutti: la malattia, la sofferenza , la morte.
Sempre a disposizioni per chiarimenti' quando possibili
in bocca al lupo


Dr. Mocci
Luigi Mocci MD

[#5] dopo  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
SALERNO (SA)
MIRABELLA ECLANO (AV)
RIMINI (RN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2003
Gentile signore,
non deve allarmarsi per ciò che è stato fatto. La condotta del collega è corretta. D'altronde il concetto di "esame istologico" si è evoluto molto in medicina e non sta più a significare patologia benigna o maligna, ma ci da una serie di informazioni indispensabili per la diagnosi certa della lesione che come lei saprà , rappresenta la prima cosa che un buon medico deve fare prima di intraprendere qualsiasi terapia. Abbia pazienza e fiducia nel suo medico.
Saluti
dr. Bernardi Claudio
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Richiedere un esame istologico fa parte di una procedura routinaria per arrivare ad una diagnosi di certezza e non vuol dire affatto
che ci sia il sospetto di una lesione maligna.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com