Utente 131XXX
Salve,
per una infezione vaginale da candida glabrata che non se ne vuole andare, dopo essere stata in cura da vari ginecologi senza però esiti positivi (la candida c'è ancora dopo 8 mesi dal suo inizio, nonostante aver preso fermenti YOVIS, una pastiglia da 150 di ELAZOR, vari ovuli vaginali al fenticonazolo 2% e lavande interne sempre di fenticonazolo nonchè rimedi naturali ed erboristici)ho decido di recarmi col mio ragazzo da un dermatologo-venereologo per un appuntamento, con la speranza che riesca ad azzeccare una cura più mirata contro questa candida e nella speranza che seguendomi si riesca a debellarla. La decisione è stata motivata anche da altri sintomi DERMATOLOGICI che sono sorti in seguito alla candidosi vaginale. Questi sintomi a livello dermatologico riguardano i capelli, o meglio, il cuoio capelluto. Da sempre ho avuto unghie fragili e disastrate e ho sofferto di micosi alle unghie dei piedi (alluce) e dopo vari traumi (UNGHIE SCHIACCIATE E PERSE) le unghie degli alluci non sono mai ricresciute sane ma sempre malate e a STRATI, ossia unghie nuove continuamente sovrapposte con addirittura 5-6 strati uno sopra l'altro. Dopo la candidosi ho iniziato a notare anche la fragilità a livello del cuoio capelluto e a volte provo dolore alla base del capello, alla radice...come se fossero infiammati. Mi sono preoccupata abbastanza soffrendo anche già di forfora e cuoio capelluto grasso fin da piccola, quindi ho optato per un dermatologo-venereologo in modo che potesse magari trovare una correlazione tra questi sintomi.

Vorrei sapere se il dermatologo-venereologo necessiti, al fine della prescrizione della terapia corretta contro la candidosi vaginale, di altri elementi o altre analisi (gli porterò anche un emocromo un esame delle urine e esami generici oltre che i tamponi e gli antimicogramma specifici sul mio ceppo di candida glabrata) che gli possano venire incontro al momento dell'appuntamento, oppure se bastano queste.

Inoltre in cosa consisterà la visita riguardante la candidosi?

Vi Ringrazio
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

bene farà a compiere la visita DermoVenereologica: spesso ciò che sembra candidosi NON è solo candidosi o non lo è per nulla..

Porti solo se stessa alla visita : sarà compito del venereologo indagare con l'esame obbiettivo e con tests specifici la natura di questa datata e fastidiosa affezione.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 131XXX

La ringrazio della risposta, beh che sia candida non ci sono dubbi perchè ho fatto tamponi e antimicogrammi, se poi nasconda qualche altra ulteriore infezione o problema non ci sono dubbi, sicuramente non è una problematica casuale almeno credo. Speriamo di scoprire insieme al dermatologo se e quale altra infezione e in che sede si trovi.


Faccio bene a portare all'appuntamento col dermatologo anche il mio ragazzo? Può essergli utile, dato che anche lui ha sofferto di candida per causa mia?


La ringrazio, cordiali saluti.