Utente 804XXX
Buongiorno e grazie mille in anticipo.
Scrivo a cusa di grossi disturbi alla pelle.Sono una ragazza 21 anni.Tutto inizia a giugno 2009. Compare un'insolita macchia rosso fuoco sul piede e con la superficie screpolata, tramite consulto del mio medico prenoto tramite mutua una visita all'usl di Parma..con tutta probabilità mi viene anticipato che poteva trattarsi di psoriasi. Date le tempistiche, che tutti conosciamo..succede quello che potevo immaginare si verificasse..la macchia scompare, ma ne ricompaiono svariate sul torace le quali mi causano, a differenza dell'altra un prurito insopportabile. Il dermatologo la classifica come pitiriasi rosea di gilbert affermando che nel giro di un mese sarebbe sparita da sola.
Luglio 2009: le macchie continuano a moltiplicarsi, decido di tornare dal dermatologo...dice che potrebbe essere una ricaduta e che in certi casi può durare anche un'anno.
Settembre 2009: cambio dermatologo, eseguo alcuni esami...i linfociti sono leggermente elevati, le urine completamente sballate, ANA positivo 1:18 pattern nucleolare (niente di grave) tutti i medici a cui ho fatto analizzare gli esami affermano che data la mia età è facile che questi esami siano leggermente fuori range.Da settembre ad oggi ho ripetuto costantemente le visite continuano a ripetere che si tratta di pitiriasi. La settimana scorsa ho portato questi esami in un centro(tramite alcune conoscenze) specializzato in malattie autoimmuni dicono che loro non escluderebbero niente il consiglio che mi è stato dato è di ripetere l'emoglobina e di eseguire l'esame VES e di farmi vedere da un infettivologo.
Elenco alcuni sintomi che da settembre accuso:
- perdita di peso circa 8 Kg
- senso di svenimento
- forti perdite vaginali
- Le macchie sono di color rosa, forma tonda, superficie screpolata e in rilievo sia il colore che la screpolatura variano..di norma sono raggruppate e localizzate in una zona sola.Attualmente ne ho tre sulla pancia bordo rosso più scure al centro e leggermente screpolate tendono ad unirsi l'una con l'altra.
Io chiedo cortesemente il vostro consiglio in quanto non credo di poter sostenere questa situazione a lungo. Potrebbe essere un'allergia???
Grazie molte ancora.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
gentile utente,

semplicemente: una rosea di Gibert non può durare da giugno.

Deve assolutamente chiarire la diagnosi

cari saluti

Dott. LAINO, Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it