Utente 170XXX
Buon sabato gentilissimi dottori..Qualche giorno fa, in un centro commerciale mi hanno proposto di fare un check up gratuito sulla salute dei capelli, io non ho problemi (a parte un po di forfora) però ho familiarità con la calvizie precoce. Mio fratello alla mia età era pelato. Comunque sia mi sono recato da questa.. non so come definirla..."azienda". Io ero molto scettico, mi sembrava assurdo fosse gratis, quindi volevo capire bene chi avevo di fronte e che titolo avesse per indicarmi eventuali problemi e terapie in che cosa esse consistono, e cosa eventualmente fare. Bene mi sono trovato davanti una non meglio precisata "consulente". Io per le ragioni che ho indicato facevo alcune domande, che faccio anche a voi.. Chi è il tricologo? è un medico? esiste un corso di laurea in tricologia??? Da lei ho ottenuto risposte evasive, comunque mi ha detto che esiste una specie di master.. (che lei comunque non aveva visto che non era nemmeno la tricologa). Volevo inoltre capire qualcosa di più sull'eziopatologia della calvizie, e anche qui o posto domande precise che vi giro.." E stato identificato il gene della calvizie? o è un carattere comunque multigenico? cosa significa il fatto che io abbia una predisposizione alla calvizie? solo un ramo della mia famiglia presenta questo carattere.. come fate a dire o meno se anche a me succederà lo stesso? non potrei aver ripreso dal ramo "sano?" Lei mi ha detto che non c'entra niente l'età e che sono tutti in famiglia predisposti, e che se alcuni sono diventati calvi prima è dipeso da fattori esterni. Io gli go chiesto, ma come fa un fattore esterno come il fantomatico stress ad attivare il gene della calvizie o comunque a causarla??? Da lei ho ottenuto risposte molto vaghe con degli improbabili paragoni a quelli che secondo lei sono dei misteri come il fatto che lo stress provoca la tachicardia (il cui meccanismo di azione e chiaramente noto..)e che sono un grandissimo presuntuoso ed un saccente... Io studio medicina, sono al 4 anno e sono consapevole di essere ancora un GRANDISSIMO IGNORANTE, però a farmi infinocchiare cosi no.. (almeno questa e stata la mia impressione).Tralasciando tutto questo discorso, abbiamo visto con una specie di lente collegata ad un computer (non so come si chiami lo strumento perdonatemi..) CHE I capelli sulle tempie sono più sottili e sfibrati di quelli nella zona occipitale..e che secondo lei li perderò.. Ora chiedo a voi, è vero? Loro mi hanno proposto un "percorso diagnostico" alla modica cifra di 400 e.Secondo lei inoltre ho la dermatite seborroica. Voi cosa ne pensate di tutto questo?? mi rendo conto di aver fatto un sacco di domande, e me ne scuso. Fiducioso vi ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Tante domande per una sola risposta: l'unico specialista competente per quanto riguarda le alopecie è il dermatologo. Le figure non mediche non dovrebbero occuparsi di questa problematica se non a scopo cosmetico(come fa il parucchiere se le applica un balsamo per i capelli secchi). Lei, al contrario, si è sottoposto ad una vera visita, con tanto di dermatoscopio, che potrebbe configurare il reato di abuso della professione medica. Quella dei centri tricologici è una vecchia storia che non finirà mai.... Corra da uno specilista competente e non avrà problemi.
Buon sabato anche a lei
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena