Utente 159XXX
Egregi medici, faccio un sunto di quanto da me capitato.

età: Io 40 anni, lei 50 ancora fertile, uso della pillola senza interruzione mensile
17 dicembre 2010 rapporto completo senza protezione, orale sia io che lei, tranne anale
20/23 dicembre 2010: bruciore al glande senza fuoriuscita di alcun siero
dal 24 dicembre fino al 6 gennaio 2011 tutto perfetto, senza alcun sintomo
7 gennaio con il perdurare fino a marzo: ripreso il bruciore al glande con stimolo ad urinare senza però provare dolore al momento dell'uscita dell'urina.
A distanza di tre mesi comparsa di puntini rossi molto fitti e una chiazza rossastra abbastanza estesa che ogni tanto da bruciore ma entrambi spariti nell'arco di una giornata senza alcun intervento.

posto i risultati fatti un mese dopo il rapporto....

SIEROLOGIA/VIROLOGIA
S-TPPA = inferiore 1/80, metodo agglutinazione
S-HBs antigene (HBsAg) = negativo, metodo CLIA
S-HBs anticorpi (HBsAb) = negativo, metodo CLIA
S-HBe antigene (HBeAg) = negativo, metodo CLIA
S-HBe anticorpi (HBeAb) = negativo, metodo CLIA
S-HBc anticorpi (HBcAb) = negativo, metodo CLIA
S-HCV anticorpi = negativo, metodo CLIA
S-HIV anticorpi = negativo, metodo CLIA

MICROBIOLOGIA
Ricerca Trichomonas vaginalis = negativa, T.vaginale
Es. microscopico uretrale, Leucociti = Assenti
Tampone uretrale - Esame colturale = negativa la ricerca di batteri patogeni e lieviti
Ricerca Neisseria gonhorroeae = Negativa
Ricerca Chlamydia trachomatis = negativa, T. uretrale
Mycoplasmi urogenitali T. uretrale
è stata eseguita la ricerca di: Mycoplasma hominis = negativa ; Ureaplasma urealyticum = negativa
Lei effettua pap test e tampone vaginale per la ricerca dell'hpv con esiti negativi
A cinque mesi di distanza il fastidio all'entrata dell'uretra c'è ancora, sopportabile ma sempre presente.

Possibile che ci sia qualcosa che non è stato possibile rilevare da tutti gli esami e tamponi fatti? Cosa posso fare come ulteriore verifica?

grazie per chi vorrà rispondere e ringrazio nuovamente per il servizio prezioso che date

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
direi che ha fatto tutto, ed anche di più, tranne ( ameno che non ce l'abbia taciuto) la cosa principale: una visita dermatologica, che le consiglio caldamente. Il problema potrebbe, infatti essere anche solo legato alla mucosa, per esempio un balanopostite mal- trattata e cronicizzata, o altro.

Saluti
Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 159XXX

Gent.mo Dott. Mocci, innanzitutto grazie per la Sua cortesia e disponibilità,

Le posso dire che ho fatto la visita dermatologica, purtroppo quando non avevo sintomi ed evidenti tracce (macchia rossa e puntini) e il responso è stato che ero perfettamente sano...

Purtroppo però non lo posso affermare perchè, ad oggi, quindi a ben 5 mesi di distanza, ho un fastidio all'imbocco dell'uretra, che si aggrava in determinate situazioni, come ad esempio dopo una colica renale, con produzione di renella che mi procura perdite ematiche con urina.

Devo dirle che notai già tre mesi dopo il rapporto, e me ne scuso per averlo dimenticato, ma credo sia importante visto i sintomi che perdurano, una specie di piccola pallina o vescichetta rossa della mucosa interna dell'uretra, proprio all'apertura e sulla sinistra. Fatto sta che proprio in quel punto sento questo pizzicore e fastidio ancora oggi, e la mucosa mi sembra leggermente diversa da come è sempre stata, come leggermente gonfia ....

Non si potrebbe trattare di qualcosa che non è stato possibile rilevare con tutti gli esami fatti e che potrei finalmente risolvere una volta per tutte? Potrebbe essere un condiloma?

Grazie nuovamente per la Sua cortesia

[#3] dopo  
Utente 159XXX

Se un medico potesse gentilmente rispondere gliene sarei molto grato, mi permetterebbe di far luce su una problematica che sembra irrisolvibile perchè, a detta del mio medico e del dermatologo, inesistente... ma il bruciore è li

grazie