Utente 240XXX
Gentili Dottori,
sono una ragazza di 20 anni ed ho un cheloide di forma circolare (diametro 1-1,5 cm circa) sulla parte superiore del piede da quattro anni formatosi in seguito al continuo sfregamento delle scarpe su un graffio e soprattutto dalle mie incuranze (data l'ignoranza, a tempo, sull'argomento). Soprattutto d'estate mi crea disagio e perciò per mimetizzarlo avevo pensato di fare un tatuaggio senza toccare il cheloide ma semplicente, essendo circolare, disegnandovi accanto dei petali.
Ora, so benissimo che la mia potrebbe essere una pelle soggetta alla formazione di questo tipo di cicatrici e che sarebbe meglio lasciare tutto com'è ma, devo dire che, a 7 anni ebbi un taglio a pochi mm di distanza dal cheloide, anche con abbondante sanguinamento, ma curandola a dovere la ferita si è rimarginata senza problemi quindi, un tatuaggio potrebbe danneggiare la situazione anche se fatto a distanza dal cheloide?
Vi ringrazio anticipatamente e aspetto vostre risposte.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
0% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
Se ha fatto un chelidre vuol dire che la sua pelle è un po' più a rischio in questo senso quindi i traumatismi potrebbero riprodurlo. Certamente un evento traumatico quale una ferita o un'ustione sono maggiormente soggetti alla cicatrice patologica, ma un minimo di possibilità può esservi anche con un tatuaggio.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena