Utente 222XXX
Gentili dottori, vi scrivo per chiedervi un consulto riguardo all'infezione orale del virus HPV.
L'anno scorso ho notato di avere all'interno del labbro inferiore due piccole escrescenze peduncolate. Una accidentalmente me la sono morsa coi denti, è uscito del sangue ma è scomparsa mentre l'altra l'ho fatta controllare dal dermatologo dal quale mi ero recato per la bruciatura (ormai a cadenza annuale) di angiocheratomi al pene. Il dermatolgo mi disse che era un "condilomino" e me ne fece notare alcuni anche nel pene i quali si confondevano con gli angiocheratomi. Alla fine della visita bruciò tutto senza eseguire neanche una biopsia.
Premetto di aver avuto due anni fa pure delle verruche volgari sul mento (eliminate tramite congelamento) ed una verruca in zona anale, la quale è scomparsa da sola nel giro di poche settimane.
Rimango comunque preoccupato per i condilomini in bocca bruciati un anno fa. Ho letto su diversi siti (anche in questo) gli studi recenti sulla correlazione tra l'infezione orale del virus HPV ed il cancro orofaringeo in soggetti giovani che non fumano e non bevono. Leggendo in giro su internet ,tuttavia, non si trovano molte informazioni a riguardo, senonchè bisogna proteggersi anche nei rapporti orali, evitare numerosi partener ed eventualmente far vaccinare gli adolescenti.

La mia domanda è questa: dato che, a quanto sembra, sono entrato in contatto con il virus, c'è un modo per sapere se l'infezione in bocca è scomparsa o è ancora presente (anche in assenza di lesioni visibili)? Ed in caso di infenzione, è possibile risalire al ceppo?
Il mio medico curante mi ha congedato dicendo che non esiste un metodo per verificare la presenza dell'HPV nel cavo orale. Una mia amica (che lavora come tecnico di laboratorio all'ospedale) mi ha parlato invece della "tipizzazione dell'hpv". Dovrei fare questo test? Si può effettuare nel cavo orale?

Altra domanda: l'eventuale evoluzione dell'infezione in qualcosa di più grave richiede anni come nel caso del collo dell'utero o l'evoluzione tende ad essere più rapida?

Cordiali saluti!

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
si, quel test , analogo ad un pap test e mirante alla tipizzazione dell'HPV si può fare anche in bocca .
Per quanto riguarda la statistica sulla trasformazione oncogenica , posso dirle che non mi risultano evidenze che sia più veloce rispetto al collo dell'utero.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Utente 222XXX

Grazie per la risposta Dott. Griselli.
Il 5 ottobre ho effettuato il test di tipizzazione dell'hpv in bocca. Il medico ha "prelevato" il campione sulla zona dove l'anno scorso mi avevano bruciato il condiloma ed in più su una piccola (quasi invisibile) lesioncina bianca che ho notato nell'arco davanti alle tonsille.
Sono risultato positivo all'HPV 51. Il medico di microbiologia ha detto di non fasciarmi subito la testa perchè alla mia età (23 anni) è facile riscontrare un'infezione da papilloma virus e che la maggior parte riescono ad essere eliminate dal sistema immunitario nel tempo.
Ho chiamato il mio dottore che mi ha consigliato di rivolgermi all'otorino per sapere se esistono metodi di screening per il cavo orale in grado di rilevare precocemente delle lesioni e di monitorare eventualmente la situazione nel tempo (tipo un pap-test o colposcopia). Esistono tali indagini per il cavo orale (a parte il test di tipizzazione)??
Sono un pò agitato anche se da quanto ho letto in giro è il ceppo 16 (al quale sono risultato negativo) a causare il 90%-95% dei cancri orofaringei correlati al papilloma virus.

Per quanto riguarda invece il contagio? Posso trasmetterlo anche con un bacio??

Cordiali saluti!