Utente 286XXX
Gentili Dottori sono un ragazzo di 21 anni e scrivo sperando che possiate aiutarmi a risolvere un problema che mi affligge ormai da 4 mesi.
Nei primi giorni di Ottobre 2012 un pomeriggio lavandomi le parti intime notai una patina biancastra che ricopriva il mio glande quasi completamente, il giorno dopo mi recai da un urologo che visitandomi e vedendo che la patina si staccava con la mano e che la parte non era infiammata mi disse che erano semplici secrezioni e di lavare bene la parte e applicare la crema Canesten fino a quando non si fosse tolta la patina, io feci in questo modo e dopo pochi giorni la patina sparì completamente. Non preoccupandomi più di tanto continuavo ad avere rapporti protetti. Dopo circa una settimana la patina biancastra si ripresentò allora decisi di andare da un dermatologo che mi visitò e mi disse che non c’erano infezioni perché la zona non era infiammata e mi spiegò che erano esiti desquamativi di una balanite da contatto allora mi prescrisse una crema idratante la Oz cream da applicare per una settimana. Durante la cura la patina un po’ alla volta si staccò nuovamente e nel frattempo non avevo altri sintomi. Finita la cura dopo ancora una settimana circa ecco ripresentarsi lo strato di pellicola bianca attorno al glande che curai nuovamente con del Canesten non dando troppo peso alla situazione visto che già due medici avevano visto il problema e non avevano riscontrato niente di preoccupante. Durante il mese successivo andai avanti in questo modo cioè ogni settimana circa si presentava la patina bianca che dopo alcuni giorni andava via anche da sola senza applicare nessuna crema. Verso l’ inizio di Dicembre 2012 al ripresentarsi della stessa situazione e poiché iniziavo ad avvertire dei fastidi alla base del pene e nella zona perineale decisi di recarmi da un altro urologo della mia zona che visitandomi vide la patina e mi spiegò che sarebbe stato meglio se mi fossi fatto visitare da un dermatologo e così feci prenotando una visita dermatologica. Il dermatologo osservando il glande anche con una luce particolare di colore blu e con lenti particolari mi diagnosticò una balanopostite da candida e mi prescrisse Diflucan 100 mg per 20 giorni, lavaggi con Triomeg Gel mattina e sera e applicare la crema Oliprox dopo i lavaggi. Iniziai questa ulteriore cura ma dopo pochi giorni la patina bianca si ripresentò allora ritornai dal dermatologo il quale mi disse che già notava segni di miglioramento e di continuare la cura. Andai avanti per altri giorni ma nel frattempo iniziavo a sentire fastidi sempre più forti all’ interno del pene e nella zona perineale inizialmente soprattutto da seduto e poi anche in piedi. Preoccupato mi recai nuovamente dal dermatologo che mi prescrisse un antinfiammatorio, per far passare i dolori che disse erano dovuti ad un epididimite. Poiché i fastidi non passavano andai nuovamente dal secondo urologo che mi visitò e disse che non trovava niente di preoccupante se non la prostata leggermente infiammata, però non volle darmi ulteriori farmaci ma di continuare per un po’ con l’antinfiammatorio. Così feci e un po’ alla volta i fastidi diminuirono e nel frattempo terminai la cura con il Diflucan e con le pomate. Alcuni giorni dopo l’ultima assunzione del Diflucan però ecco ripresentarsi la patina bianca che però sembrava meno spessa e più simile a uno strato di pelle che si desquamava, preoccupato ritornai dal dermatologo che mi disse che ormai l’infezione era passata e che si doveva ricostituire la normale attività della mucosa. Aspettai altri giorni allora esattamente fino agli inizi di Gennaio 2013 quando al ripresentarsi della desquamazione e al riprendere di alcuni fastidi al pene e alla zona perineale decisi di andare dal mio medico di famiglia che mi prescrisse una visita dermatologica presso l’ ospedale. Pochi giorni dopo effettuai quest’ulteriore visita anche se al momento della visita non avevo la patina bianca sul glande ma solo una forte secchezza e il medico rassicurandomi disse di non trovare assolutamente niente di preoccupante e mi prescrisse, anche dopo aver visto alcune foto scattate da me durante questi mesi, Biophase Intimo per lavare il pene mattina e sera e applicare Balanil Gel dopo il lavaggio per tre settimane. Ho iniziato la cura da due settimane e durante questo periodo la patina bianca non è ricomparsa ( non era mai successo per due settimane di seguito ), ma continuo ad avere una forte secchezza della pelle del glande e dei fastidi, cioè bruciori in alcuni punti dell’ asta e a volte alla punta del pene ( soprattutto quando urino) e alla zona perineale, avverto il pene un po’ “gonfio”, e la pelle sul glande è appiccicosa e rugosa e non saprei dire se noto miglioramenti da quando ho iniziato ad applicare il Balanil Gel che quantomeno ha evitato la ricomparsa della desquamazione. Durante questo periodo ho effettuato le analisi del sangue i cui valori sono risultati nella norma e delle ecografie ai testicoli, vasi spermatici ( ho un varicocele di secondo grado a sinistra ), e prostata la quale è risultata infiammata ( in seguito ho effettuato il PSA totale con valori 0.36 ). Inoltre da un paio di mesi avverto una continua secchezza delle labbra e la pelle delle mani che soprattutto tra le nocche è molto secca e tende anche a “rompersi” se non applico quotidianamente creme idratanti. Ora mi chiedo a cosa può essere dovuto tutto ciò? Dovrei fare ulteriori analisi e se si quali??

Ringrazio per la vostra attenzione.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile Utente

il suo percorso a mio avviso non è completo;

prescindendo dalla diagnosi iniziale di balanopostite micotica (per approfondimento può leggere: www.balanopostite.it ) direi che ora il suo quadro necessita di ulteriore approfondimento in virtù della permanenza della sintomatologia.

Non sappiamo dire se il quadro delle mani sia compatibile con quello genitale, poichè a tutt'oggi la diagnosi aggiornata è vacante. Direi quindi di riaggiornare la diagnosi con il dermatologo.

cari saluti
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 286XXX

Gentile Dott. Laino
innanzitutto la ringrazio per la celere risposta , ho già prenotato un altra visita dal dermatologo dell'ospedale, è vero la sintomatologia permane ma ormai da due settimane non è ricomparsa la desquamazione della pelle del glande anche se avvero ancora alcuni fastidi e la secchezza e rugosità della mucosa. Mi chiedo se ciò non possa essere dovuto alle continue desquamazioni ( in questi mesi circa 10 volte si e manifestata la patina biancasta ) che hanno in qualche modo alterato la mucosa, inoltre quali sono i tempi medi di remissione completa dei sintomi in questi casi??

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La Prognosi, si stabilisce sempre dopo la diagnosi, che sarebbe meglio confermare in modo diretto.

Qualsiasi processo eczematoso ad esempio comporta al termine, una desquamazione, pertanto il renge di possibilità è amplissimo

cari saluti


Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 286XXX

La ringrazio ancora per la risposta e la aggiorno sulla mia situazione.
Durante questa settimana i fastidi al pene e alla zone perineale sono diminuiti adesso resta solo un leggero bruciore alla minzione ( non sempre però ) e se tocco l asta in alcuni punti, e un pò di secchezza della pelle del glande che però adesso mi sembra molto meno appiccicosa nelle ore in cui non applico il Balanil Gel. Noto però alcuni puntini rossi che già erano presenti ma solo adesso ci faccio più caso e al lato del glande sulla corona una specie di piccolissima escoriazione. Aspetto comunqua la visita dermatologica che dovrei effettuare la settimana prossima.
Grazie per l'attenzione.
Cordiali saluti

[#5] dopo  
Utente 286XXX

Gentile Dottore le scrivo per aggiornarla sulla mia situazione.

Ho effettuato la visita dermatologica e anche questa volta i medici mi hanno detto che non c'è niente che non va e di stare tranquillo. In questi giorni i fastidi al pene e alla zona perineale sono diminuiti ma la pelle del glande è ancora secca rugosa e appiccicosa. Per due giorni prima della visita non ho applicato il Balanil Gel e la situazione non è peggiorata ne si è riformata la patina bianca. Adesso dovrei applicare il gel per un altro mese, ma come ho già detto la pelle del glande ancora non mi appare "normale".
Come lei ha detto qualsiasi processo infiammatorio comporta una desquamazione ma quanto dura quest ultima normalmente? Può durare anche settimane? O forse ancora non è chiara la causa di questo mio problema?

Grazie

Distinti saluti

[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente mi sta facendo domande alle quali il sottoscritto non può rispondere perché abituato a farlo solo dopo diagnosi corrette e terapie apportate.
Non posso aiutarla questo momento mi spiace molto..
Se affidi ai dettami dei suoi medici che hanno già chiarito che lei non ha nulla di patologico.
Ancora saluti
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it