Utente 179XXX
Gentili dottori,
volevo chiedere un consiglio. Ho trent'anni e sono incinta (6 mese). Qualche settimana fa ho effettuato una visita di controllo della pelle come ogni anno, presso un medico in Svizzera, dove vivo al momento, il quale ha suggerito di togliere due nei a scopo precauzionale, sostenendo che fosse possibile aspettare il parto, ma che per sicurezza sarebbe stato meglio rivederci a fine agosto per valutare il da farsi. In realtá' devo dire che il medico non mi aveva fatto un'ottima impressione, non so per quale motivo. Arrivata in Italia per l'estate, ho pensato di farmi vedere dal dermatologo che mi controlla annualmente da 5 anni, pensando che conoscendo i nei in questione da vario tempo e avendo tutte le vecchie epiluminescenze avrebbe potuto tranquillizzarmi. In realta' anche lui ha sottolineato la necessita' di togliere uno dei due nei, dicendomi che volendo possiamo aspettare il parto a fine ottobre. Io pero' ho chiesto se fosse possibile farlo prima e lui ha detto che se questa cosa mi crea ansia e preoccupazione e' possibile farlo, soprattutto considerando che a fine settembre dovro' partire per un semestre per un altro paese e non so se li' mi sara' possibile o meno togliere questo benedetto neo. A suo avviso infatti l'intervento in se' non creerebbe nessun problema, a differenza dell'ansia e della preoccupazione che, conoscendomi, potrebbero accompagnare questo ultimo periodo di gravidanza, Essendo gia' di mio un po' ansiosa, vorrei togliermi il neo il prima possibile. Voi cosa mi consigliate? Non e' meglio toglierlo subito? L'operazione e l'anestesia possono presentare rischi? A suo avviso il neo si e' trasformato, e questo potrebbe pero' dipendere anche soltanto dalla gravidanza e in seguito rientrare. Il Referto dell'epiluminiscenza dice: Reticolo in parte interrotto con strie irregolari. Si richiede asportazione chirurgica ed esame istologico. Non so, ma questo referto mi inquieta di piu' dello "scopo precauzionale" di cui parlava il dermatologo svizzero. Voi cosa ne pensate?

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Gentilissima

deve prevalere un solo concetto:

se il suo dermatologo preferisce eliminare questi nei dopo la gravidanza è perchè secondo sua scienza e coscienza è possibile farlo in tutta sicurezza; se al contrario ritenesse di eliminare questi nei da subito non credo che aspetterebbe questi tempi.

cari saluti
Dr.ssa Silvia Suetti, Specialista DermoVenereologo e DermoChirurgo
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 179XXX

Gentile dottoressa Suetti,
la ringrazio molto per la sua gentile risposta.
In realtá il dermatologo mi e' sembrato piuttosto indifferente sui tempi di rimozione: a suo avviso era possibile asportare subito dopo il parto, ma non era neppure necessario aspettare.
Per questo (sicuramente complice la mia ansia) mi ponevo il dubbio di anticipare.
E' vero che mancano "solo" quattro mesi al parto, ma il fatto che tenga questo neo sotto controllo da cinque anni mi mette anche un po' di preoccupazione: perche' finora non c'e' stato bisogno di togliere questo neo e ora si'? E se e' necessario, perche' non farlo ora e rischiare che le cose peggiorino in questi mesi?
Volevo anche chiedere un'altra cosa che ho dimenticato di chiedere al dermatologo: considerando il periodo, andando al mare e' necessario prendere precauzioni particolari con questo neo? Basta la crema protezione alta o devo coprire il neo con un cerotto?