Utente 379XXX
Gentili dottori,
Sono un ragazzo di 25 anni e ho un problema alla pelle dell'asta del pene.
5 mesi fa ho iniziato ad avere rapporti sessuali completi senza protezione con la mia attuale ragazza e la situazione è andata peggiorando. Mi spiego, la pelle appare costantemente secca e facilmente "spacca" (un rapporto sessuale è doloroso, la penetrazione avviene a fatica e alla fine del coito la pelle appare rossa e con dei taglietti che lasciano intravedere
piccolissime fuoriuscite di sangue al tatto, giorni
dopo si forma sopra questa zona una "pellicina" che nel giro di alcuni giorni lentamente cade, per di più avverto del leggero prurito qualche volta).
Il problema è dunque alla pelle dell'asta del pene in particolare è interessata tutta la parte rivolta verso l'alto, non la parte dell'asta che è a contatto coi testicoli quando il pene è a contatto con lo scroto, ma la parte superiore che è sempre secca e appena la gratto anche un po' diventa bianca e si rompe a piccoli pezzetti.
Sono andato un mese e mezzo fa da un dermatologo specializzato in malattie veneree, alla fine
quasi cercavo io di convincerlo che fosse qualcosa di serio perchè lui per tutto il tempo ha confermato che il problema era
dovuto soltanto alla mancanza di adeguata lubrificazione durante il rapporto ed escludeva delle patologie anche per il fatto
che fossi cironciso (da quasi un decennio ormai). Mi prescrisse una terapia per 15 giorni (FISIAN crema 2/3 applicazioni al dí)
e SANOCLIN detergente per la detersione intima.

Il problema persiste, la mia ragazza (che ha avuto altre esperienze prima di me) sostiene caparbiamente che non è dovuto a una sua poca lubrificazione e non
vuole usare lubrificanti, ha inoltre fatto dei controlli che non hanno evidenziato nessuna patologia, quindi lei esclude che possa essere questo, lei è la mia prima ragazza e pertanto non ho altre esperienze che mi facciano capire se effettivamente è lei che ha una bassa lubrificazione.

Ormai non so cosa fare, se racimolare altri soldi e andare nuovamente dallo stesso specialista o da un altro, oppure credere che ho una pelle abbastanza sensibile e per questo motivo devo ricorrere ad un lubrificante prima di avere un rapporto sessuale.


Ringrazio di cuore,
S.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissimo

Molto opportuna mi pare una visita Dermovenereologica finalizzata all'esclusione di diverse condizioni, in primis (lo diciamo sempre in modo mai vincolante dalla sede telematica) un lichen Sclerosus incipiente; tutto potrà essere curabile, ma prima di ogni cosa, serve una corretta diagnosi!

Per maggiori info generali www.lichenscleroatrofico.it

Cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 379XXX

Gentile dottore Laino, il mese scorso, come ho scritto sopra, sono stato visitato da uno specialista in Dermatologia e Venereologia. Lui mi ha detto che si tratta soltanto di pelle secca, io ho un po' dubitato della sua parola e, dato che avevo fatto una ricerca su internet nelle settimane prima di decidermi di andare dallo specialista, gli chiesi se potessi avere un LICHEN SCLEROSUS o qualcosa di serio, lui si limitò a dirmi di stare tranquillo che non si trattava di niente di ciò.

Non sono molto felice a pensare di andare da un'altro specialista per pagare e magari sentire le stesse cose....



P.S. oggi ho provato ad avere un rapporto con la mia partner usando del lubrificante (olio di cocco). Non ho avvertito dolori ma duranto il coito sentivo del "prurito" nella pelle dell'asta, la parte superiore.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Come comprenderà, non posso far altro da qui che dirle di fidarsi del suo Dermatologo Venereologo.
Cari saluti ancora
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 379XXX

Gentili dottore e gentile dottor Laino, ci sono dei risvolti interessanti...

La scorsa settimana stanco di avere sempre la pelle ruvida e praticamente impossibilitato dall avere rapporti non protetti con la mia partner a causa dell'eccessivo dolore, ho deciso di prendere dalla farmacia TRAVOCORT unguento, per 6 giorni l'ho messo due volta al giorno e oggi non ho più nessun fastidio, la pelle è liscia e non avverto disturbi o trovo la pelle secca e ruvida durante l'erezione.

Il dermatologo che due mesi fa mi aveva visitato non aveva risolto nulla dandomi FISIAN crema per 15 giorni, invece io grazie alle mie conoscenze (quasi laureato in farmacia) penso di essere guarito dalla continua flagosi della pelle dell'asta del pene (ricordo che sono circonciso).

Leggendo molto questo forum penso che ero affetto: O da CANDIDA, O da LICHEN SCLEROSUS

Io e la mia ragazza vorremmo tornare a fare l'amore non usando precauzioni e lubrificante, tuttavia HO PAURA che il problema si ripresenti... Lei lo scorso anno aveva fatto dei controlli per malattie veneree e tutto è stato negativo.

Cosa faccio? Le dico di farsi un ocntrollo per candida o possiamo stare tranquilli?

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Utile la visita anche per la sua Partner per avere un quadro sicuro della situazione.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it