Utente 979XXX
Gentili medici buongiorno,
sono un ragazzo di 23 anni con una vita sessualmente attiva e una partner fissa con la quale ho dei rapporti non protetti in quanto lei assume una terapia contraccettiva orale. Premetto che lei non ha nessun tipo di problema/sintomo riconducibile ai miei.
Circa un anno fa ho notato alcune zone della pelle del pene arrossate e molto secche. Queste aree dall'aspetto insolito durante l'erzione tendono ad essere meno elastiche del resto, causando delle micro lesioni (quasi mai con perdita di sangue) e a desquamarsi. Quindi mi sono rivolto al mio medico di famiglia, e dopo avermi visitato mi ha prescritto Pevisone latte. Con questo trattamento la zona ha inizialmente smesso di desquamarsi e infine ha riacquisito una quasi normale elasticità anche se la pelle risultava essere in ogni caso più arrossata rispetto al resto. Se può essere di aiuto questa spiacevole situazione si è presentata dopo una terapia con Augmentin e Gentalyn Beta prescritta per un sospetto "principio di ascesso" all'interno coscia. Questa situazione non si è ripresentata fino ad un mese e mezzo fa dove inizialmente ho notato una piccola zona arrossata e secca sul dorso della mano sinistra che ha iniziato a seccarsi scomparire e ritornare sempre con la stessa identica forma. Poi dopo un paio di settimane si è ripresentato il problema al pene nelle stesse zone (stessa forma e dimensione) e con le stesse modalità di un anno fa. Infine ho accussato un leggero prurito allo scroto e a livello perianale e mi sono accorto che la pelle risultava anche li secca e iniziava a desquamarsi. Mi sono recato dal mio medico che mi ha prescritto una visita dermatologica (che avverrà tra 2 settimane!!!) e nuovamente la terapia con il Pevisone che questa volta non sta dando nessun risultato.

Spero di essere stato chiaro e che mi possiate dare una possibile spiegazione al problema/terapia in attesa della visita specialistica.

Grazie e buon lavoro!
Andrea

[#1] dopo  
Dr. Santiago Vallasciani

20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
COLLEFERRO (RM)
CASSINO (FR)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Gentile Sig.re,
il problema presente a livello penieno potrebbe essere una spia di una malattia dermatologica chiamata Lichen Sclerosus o Balanitis xerotica obliterans. Questa è una malattia dermatologica che può essere presto riconosciuta da uno specialista dermatologo e va trattata in modo adeguato.
Sebbene abbia poche conseguenze in altri distretti, a livello penieno è importante che venga correttamente trattata perchè altrimenti può evolvere coinvolgendo altre zone del glande ed addirittura penetrare nell'uretra causando un suo restringimento.
Lei ha per caso visto un restringimento del prepuzio oppure un cambiamento nella sua colorazione? questo potrebbe essere un dato importante per capire l'eventuale presenza di tale malattia.
La visita che farà dal dermatologo darà, comunque, la risposta attesa e, nel caso sia positiva, il trattamento tempestivo la porrà al riguardo da tale complicazioni urologiche.
Sperando di essere stato di aiuto e rimanendo a Sua disposizione per ulteriori chiarimenti Le porgo i più cordiali saluti.

Dr. S. Vallasciani
Chirurgo Pediatra
Chirurgia dell'uretra e dei genitali maschili
Roma
Dr. S. Vallasciani

Chirurgia Urologica e Andrologica pediatrica
Chirurgia dei genitali e dell'uretra maschili

[#2] dopo  
Dr. Vittorio Crobeddu

24% attività
0% attualità
12% socialità
NOCI (BA)
TORINO (TO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Caro amico,ovviamente ti consiglio di rivolgerti ad un collega,ma dalla descrizione ke tu fai orienterei la diagnosi su una eziologia micotica o allergica,vista anke la compromissione del dorso della mano!!Ad ogni modo,prima della visita dermatologica,ti consiglio di sospendere ogni tipo di trattamento:Saluti

[#3] dopo  
Utente 979XXX

Innanzitutto Vi ringrazio per le tempestive risposte, e i consigli, in secondo luogo rispondo alla domanda fatta dal Dr. Vallasciani.
Fortunatamente non ho notato restringimenti del prepuzio e come esponevo in precedenza la pelle risulta essere leggermente più "rosea" del normale nelle poche aree interessate dalla patologia. Inoltre credo di dover sottolineare che non ho notato nessun cambiamento sia al glande sia al prepuzio, difatti qeuste zone più "rosee" che tendono a peredere elasticità e in seguito a desquamarsi si trovano prevalentemente sulla parte ventrale della pelle del pene.

Grazie ancora, i miei più cordiali saluti.
Andrea

[#4] dopo  
Utente 979XXX

Volevo comunicarvi che oggi mi sono sottoposto a una visita specilistica, secondo il medico che mi ha visitato si tratta di eczematide causata dalla secchezza della pelle nel periodo invernale. Mi ha prescritto: Gentalyn Beta x 15gg 2 volte al dì; Eugel detergente; Eucerin crema mani.
Devo dire che la qualità della visita non mi ha soddisfatto e che ha ritenuto "inutile" controllare lo stato della patologia sul pene in quanto gli ho comunicato che era praticamente passata lasciando solamente le aree più arrossate. Inoltre quando gli stavo spiegando che queste macchie continuano a ripresentarsi sempre negli stessi identici punti mi ha interrotto e non ha voluto ascoltarmi ulteriormente.
Vorrei sapere se concordate con tale diagnosi e se un eczematide di questo tipo può ripresentarsi sempre negli stessi punti...inoltre mi consigliate di rivolgermi a un'altro specialista visto che la visita non mi ha dato nessuna fiducia?

Grazie e buona giornata.
Andrea