Utente 312XXX
Buonasera,

Ho fatto una visita dermatologica perché negli ultimi anni ho i capelli fini e un po' radi e la mia pelle è ipersensibile, è emerso che ho follicolite, probabile carenza di ferro e un'altra serie di disturbi di cui non ho capito la definizione.
Le mie domande allo specialista non hanno avuto risposte e quindi vorrei chiedere anche qui un parere.

Dato che alcuni dei prodotti prescrittimi non necessitano di ricetta mi chiedevo se fossero sostituibili. Ad esempio, mi ha prescritto Rev Keratin come shampoo ed io utilizzo già il bioscalin: differiscono o sono essenzialmente uguali?

Mi ha prescritto Arovit per la vitamina A, però è fuori commercio: posso sopperire mangiando carote e prodotti ricchi di vitamina A o sarebbe opportuna un'alternativa con quello specifico dosaggio?

Frizioni sui capelli con timoglican: mi dicono che è una semplice lozione, quindi potrei sostituirla continuando ad usare un comune succo di aloe?

L'unico farmaco della ricetta è il placentex integro da iniettare intramuscolo due volte a settimana per dieci settimane, lo specialista mi ha detto che si tratta di cellule ingegnerizzate di trota ma non ho capito in che modo dovrebbero agire sui capelli, anche perché nella descrizione non si fa cenno a questo uso: mi interessa sapere se il risultato è a lungo termine o se è legato al periodo di somministrazione (come il minoxidil, che fa effetto solo finché lo si prende), e se è un farmaco invasivo a livello di effetti collaterali e impatto sull'organismo (il mio metro di riferimento per "invasivo" è una pillola anticoncezionale tipo la Diane o meno pesante, per intenderci).

Siccome il rapporto quantità/prezzo è impopolare e non acquisterò una seconda confezione, qual è il modo migliore per diluire l'estinzione della prima? Dovrei assumere le cinque fiale due volte alla settimana per due settimane o è meglio una ogni due settimane per due mesi e mezzo (cioè meglio prediligere l'aspetto intensivo o estensivo della cura)?

Mi sono stati consigliati gli esami di emocromo, sideremia e ferritina: se emergesse che ho carenze di ferro potrei lasciar perdere le iniezioni di piacente senza rimorsi?

In generale la prospettiva di guarigione dal problema dei capelli radi e fini nelle donne adulte giovani lascia ogni speranza al varco o è possibile guarire dermatologicamente a livello definitivo?

Grazie per la cortese attenzione,

Cordialità.


[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima

esistono farmaci attivi (e non integratori) in grado di contrastare l'alopecia androgenetica femminile (calvizie femminile) che causa anche il segno dei "capelli fini e radi" che ci indica.

Pertanto la invito ad una visita dermatologica meglio se corredata di tricoscopia digitale (info su www.calvizie.pro ), da effettuare nella sede a lei opportuna

cari saluti

Dr Laino

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 312XXX

La ringrazio,

quindi l placentex non è un farmaco ma solo un integratore?

Le domande che ho posto sono appunto sulla diagnosi medica fatta in sede di visita dermatologica (alla asl), come descritto. Intende dire che dovrei optare per un tipo diverso di visita dermatologica?
Il dermatologo mi ha prescritto il Placentex.

Distinti saluti.


[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
i polidesossiribonucleotidi per via sottocutanea sono riconosciuti come farmaci.
Le creme a base di frammenti di questi non sono farmaci ma cosmeceutici (cosmetici con attività bio-molecolare nota)
Si affidi al suo specialista di fiducia: se ha fatto già la visita dermatologica non ne occorre un'altra.
cari saluti

Dr Laino

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it