Utente 290XXX
Buongiorno, sono Linda, ho 36 anni, sono alta 167, peso 52 kg. Sono una sportiva e faccio un'alimentazione povera di grassi. A ottobre, dopo alcuni sintomi "strani" ho controllato la glicemia a digiuno (la mattina dopo dieci ore di digiuno) ed era 107, insieme all'emoglobina glicata che era 5.5.
Premetto inoltre che ho una familiarità per diabete tipo 2 (nonni, zii quasi tutti).
Successivamente controllavo la glicemia ogni tanto e i valori parevano anche un pò scesi. Fino a ieri, quando la glicemia è risultata 115 (misurazione confermata da due rilevamenti) dopo le solite dieci ore di digiuno. So che NON è diabete ma devo preoccuparmi? Sarò diabetica? Perchè questa glicemia ballerina?
Grazie per l'eventuale risposta,
Linda

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
I valori attestano una Intolleranza glicidica che insieme alla familiarità rappresenta un segnale di allarme, ovvero un cosiddetto pre-diabete.
Dovrà attenzionare in tal senso la sua dieta e magari effettuare una curva da carico di glucosio.

Ne parli pure con il suo curante.


Cordiali Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 290XXX

La ringrazio della sua tempestiva risposta.
Ora però mi faccio e le faccio un'altra domanda. Dopo quel picco di 115 di glicemia ho limitato qualunque cosa potesse provocare un innalzamento, compreso la frutta, e difatti è scesa a 95. Ma come mai questi picchi? Da profana mi sembra essere come un funzionamento a "intermittenza". Io conosco il mio fisico e, considerando quello che mangio, non credo dipenda dall'alimentazione.
Nel ringraziarla ancora le porgo i miei più cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
E' così che deve andare,
ovvero gli accorgimenti dietetici sono il primo presidio nei casi di rilevata intolleranza glicidica.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it