Utente 123XXX
Buongiorno. Gent.dott.Baraldi ho già scritto a proposito di mia madre che soffre di anemia e invecchiamento del midollo. Come da suo consiglio abbiamo chiesto di aggiungere alle periodiche analisi del sangue la conta reticolocitaria che ha dato questi risultati:

reticolociti% 1,11 %
reticolociti# 35,2 x10^9/L
CHr 30,9 pg

Il primo valore è compreso nella fascia dei valori di riferimento; è un segnale positivo?
Le analisi (il prelievo è stato fatto quattro giorni dopo una trasfusione di sangue) evidenziano una diminuzione continua dei globuli bianchi il cui valore è
1,49 mentre dieci giorni prima era 1,67.
I valori dei globuli rossi sono invece migliorati:
RBC 3,26 (da 2,82)
HGB 9 (da 7,7)
ematocrito 26,5 da 23,2
Presso la struttura dove mia madre è stata ricoverata mi dicono che il sangue trasfuso non è intero e i globuli bianchi non possono essere oggetto di trasfusione; quando il loro valore è troppo basso si protegge il paziente da infezioni con antibiotici.
E' davvero l'unica strada? Gli antibiotici sono a volte un salvavita ma hanno anche tante controindicazioni.
La ringrazio per la risposta.

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Concordo con i colleghi sul trattamento. Io continuerei così; riguardo i reticolociti indicano poco compenso midollare, che è caratteristico per questa patologia dove il tessuto midollare viene sostituito da tessuto fibroso.
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 123XXX

La ringrazio. Buon lavoro