Utente 165XXX
caro dott ,sono una mamma di un bimbo di 10 anni, il 15/5/2010 e stato ricoverato perche aveva le piastrine a 4000 dopo 2 cicli di immonoglubina sono cominciati a salire fino arrivare a 217000 e stato dimesso ,giorno 25/5/2010 secondo ricovero piastrine 2000 altro ciclo di immonoglubina saliti a 50000 dimesso, giorno 4/6/2010 terzo ricovero piastrine 10000 altro ciclo di i g vena saliti a 60000 dimesso ,giorno 15/6/2010 piastrine 11000 quarto ricovero, ciclo i g vena saliti 94000 eseguito esame del midollo mi hanno detto che ci sono degli anticorpi che distruggono le piastrine dimesso, giorno 29/6/2010 piastrine 3000 quinto ricovero, altro ciclo i g vena piastrine 68000 dimesso sabato 3/7/2010,oggi 8/7/2010 controllo piastrine 22000 non lo hanno ricoverato, mi hanno detto di ritornare lunedi per nuovo controllo mi dica cosa ne pensa lei sono stanca e vorrei capire se ce qualche cosa da fare grazie

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il bimbo è seguito da un centro ematologico ? Questo calo di piastrine si è presentato dopo una malattia virale o dopo che aveva assunto qualche farmaco ?
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 165XXX

grazie dottore per avermi risposto,,,,, il bambino non ha avuto malattie virali ne ha preso farmaci prima del calo delle piastrine, ed e seguito dai medici dell ospedale dove viene ricoverato ogni volta
cordiali saluti

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Sì ma i medici hanno fatto una diagnosi ? Si parla di piastrinopenia su base autoimmune ? Perchè di piastrinopenie ne esistono di vario tipo. Posso ipotizzare che si tratti di trombocitopenia immune acuta, forma che colpisce soprattutto i bambini in cui si attua una terapia con immunoglobuline per fare risalire rapidamente i valori di piastrine. La durata può superare i sei mesi. Ci faccia sapere
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 165XXX

I medici mi hanno detto che si tratta di PORPORA TROMBOCITOPENIA IDIOPATICA..in cosa consiste precisamente?E' da prendere in considerazione il cortisone come cura oppure c'è qualche altra cosa da poter fare?Dal controllo di oggi è risultato che le piastrine si sono nuovamente abbassate a 7000 e lo hanno nuovamente ricoverato,eseguendo dinuovo la terapia di immunoglobuline.Aspetto una sua risposta.cordiali saluti

[#5]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Allora, Signora, è il quadro che avevo pensato e la terapia è appunto con immunoglobuline per far risalire rapidamente le piastrine. Questa patologia può avere durata anche intorno a sei mesi. Il discorso sull'utilizzo del cortisone in questa patologia è controverso , alcuni lo ritengono valido altri no, comunque sono le immunoglobuline quelle che fanno risalire più rapidamente le piastrine. Adesso bisognerà vedere come reagirà nel tempo e se queste piastrine tenderanno a risalire. In ultima analisi ma lo dico a titolo informativo si può ricorrere alla splenectomia, nei casi in cui nel tempo non si riesce a far risalire le piastrine
Un saluto

A. Baraldi

[#6] dopo  
Utente 165XXX

La ringrazio per le sue informazioni,volevo sapere se nel caso in cui dopo i sei mesi non ci sono miglioramenti cosa bisogna fare.Lei mi consiglia di spostarmi in qualche altro centro,anche presso il vostro ospedale?

[#7]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Nel caso in cui dopo tempo non ci fossero miglioramenti in linea generale si può prendere in esame l'asportazione della milza, ma adesso , Signora, è del tutto prematuro fare ipotesi future, vediamo come risponderà nel tempo. A Palermo avete ottime strutture e non c'è alcun bisogno di trasferirsi altrove, abbia fiducia e ci faccia sapere.
Un saluto

A. Baraldi

[#8] dopo  
Utente 165XXX

La ringrazio per tutti i suoi chiarimenti,le volevo comunicare che oggi,dopo aver fatto un ciclo di immunoglobuline,le piastrine sono salite a 37mila.Volevo sapere se secondo lei,si può iniziare la terapia di cortisone dopo aver effettuato il ciclo di immunoglobuline,e se per lei è una giusta terapia.Visto che le piastrine stanno salendo,è adeguata una dimissione oppure dovrei rimanere in ospedale per altri controlli.La ringrazio tantissimo per le sue risposte.cordiali saluti

[#9]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Secondo me la terpia giusta è questa con immunoglobuline , il cortisone và valutato a parte se effettivamente necessario. 37.000 non è un valore preoccupante ma riguardo la dimissione devono essere i colleghi che hanno in cura il bimbo a decidere, anche se mi rendo conto che per un bambino stare in ospedale non è bello, ma abbiate fiducia
Un saluto

A. Baraldi

[#10] dopo  
Utente 165XXX

salve dottore... le faccio sapere gli ultimi aggiornamenti: :dimesso il 17 luglio con 120 mila controllo giorno 19 luglio piastrine 79 mila, controllo giorno 26 luglio piastrine 15 mila; controllo giorno 27 piastrine 27 mila ;il prossimo controllo sara il 3 agosto ...mi hanno detto che se saranno in discesa attaccheranno con il cortisone per via orale per 10 giorni dose piena e poi a scalare, e che non ce bisogno di tenerlo ricoverato, ma sara seguito da esterno, dico io, ma non e piu giusto ricoverarlo e vedere se ci sono dei problemi dati dal cortisone?...il bambino e allergico alla tachipirina..ringraziandola sempre cordiali saluti

[#11]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Concordo con i colleghi , la terapia la può fare all'esterno ed è meglio anche per il bimbo . L'allergia alla tachipirina non incide. Ci faccia sapere
Un saluto

A. Baraldi

[#12] dopo  
Utente 165XXX

salve dottore volevo darle gli ultimi aggiornamenti riguardanti la situazione del bimbo,giorno 3 agosto dal controllo le piastrine erano 13000 e lo hanno ricoverato,la sera stessa hanno cominciato la cura con gastroprotettore "ranidil" e cortisone "urbason" in vena,1 ciclo ogni 24 ore per 3 giorni.Volevo sapere se secondo lei bisogna continuare la cura col cortisone via orale,visto che oggi le piastrine sono salite a 160000,e se il cortisone è un farmaco che serve a far risalire le piastrine o a cosa?La ringrazio per tutti i suoi chiarimenti,aspetto una sua risposta,Cordiali Saluti

[#13]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il cortisone serve proprio per fare aumentare le piastrine, che oggi sono di valore normale. A questo punto la valutazione se continuare ancora o nò la devono prendere i medici che l'hanno in cura e che lo conoscono direttamente ; probablmente, ipotizzo così a distanza, sospenderanno per poi valutare al successivo controllo, abbia fiducia
Un saluto

A. Baraldi

[#14] dopo  
Utente 165XXX

dottore la ringrazio i suoi chiarimenti mi danno molto coraggio ad affrontare la situazione ,,come mi a anticipato lei valuteranno nel prossimo controllo se ridare il cortisone .spero che si risolva e che al prossimo controllo abbiano un valore confortante mi scuso se la disturbo in continuazione ma parlare con lei mi aiuta tanto.grazie cordiali saluti...

[#15] dopo  
Utente 165XXX

caro dott giorno 20 il bambino era pieno di lividi nelle gambe ,abbiamo fatto il controllo delle piastrine erano 8000 senza fare niente giorno 23 sono saliti a 40000 il prossimo controllo sara giorno 27 e normale che senza terapia ci sia questo sali e scendi? cosa puo succedere in caso che le piastrine siano basse e non ce ne accorgiamo?perche non sempre compaiono questi lividi.negli ultimi esami i globuli bianchi erano piu dei rossi .cosa significa? e normale? grazie ..un caro saluto..

[#16]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Se le piastrine scendono troppo sono proprio i lividi la loro manifestazione; ci possono essere queste variazioni di numero ; adesso bisognerà vedere nel tempo se queste piastrine tenderanno gradatamente ad aumentare
Un saluto

A. Baraldi

[#17] dopo  
Utente 165XXX

salve dottore,volevo comunicarle che ieri a seguitodel controllo,è risultato che le piastrine sono nuovamente scese,erano 17.000,naturalmente lo hanno ricoverato,stamattina dall'emocromo le piastrine sono risultate 11.000,hanno fatto altri esami tra cui nuovamente le "piastrine reticolate".Nell'ultimo ricovero hanno iniziato il cortisone,ma hanno sono restii a continuare considerando il peso del bambino di 50 kg.Adesso mi chiedo quale sia la terapia da seguire visto e considerato che le flebo di immunoglobuline non gli fanno effetto,qual'e il suo parere?abbiamo notato che con il cortisone le piastrine si ci sono mantenute alte per 1 mese,la ringrazio in anticipo per la sua risposta.cordiali saluti

[#18]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Io credo che i medici valuteranno se fare nuovamente del cortisone e poi si possono prendere in esame altre ipotesi terapeutiche ivi compresa l'asportszione della milza per un discorso di piastrine sequestrate in questo organo oppure utilizzare altri farmaci immunosoppressivi. Il problema di fondo sono gli anticorpi che distruggono le piastrine. Ci faccia sapere arduino.baraldi@fastwebnet.it
Un saluto

A. Baraldi

[#19] dopo  
Utente 165XXX

grazie per la sua risposta,volevo chiederle in cosa consistono questi farmaci immunosoppressivi,e quanto dovrebbero essere le piastrine per iniziare questa nuova terapia,

[#20]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Senza entrare nel dettaglio sono farmaci, come il cortisone,con effetto immunosoppressivo. Queste forme di trombocitopenia possono protrarsi nel tempo; è evidente che se , alla lunga, le attuali terapie sono soltanto momentanee nel fare aumentare le piastrine, bisognerà , dopo valutazione, seguire altre strade terapeutiche come quelle da me elencate
Un saluto

A. Baraldi

[#21] dopo  
Utente 165XXX

caro dott.. le voglio comunicare gli ultimi risultati giorno 22 9 2010 piastrine 24000
giorno 27 9 2010 piastrine 26000
i medici mi dicono che se continua con questi valori faranno di nuovo il cortisone...
anche se hanno dei dubbi visto il peso ...io lo messo un po a dieta ma per lei questi valori quanto sono normali? a volte vorrei portarlo in un altro centro ma non so se faccio bene ,e mi chiedo se stanno facendo il giusto ,
quanto tempo deve passare per considerare se e diventata cronica? visto che fino a adesso non a mai avuto emorraggie ,puo succedere in futuro ? grazie e cordiali saluti

[#22]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Dopo sei mesi circa si può parlare di cronicizzazione; gli attuali valori non sono assolutamente da emorragia; certo il cortisone certo , sotto il profilo del peso, non l'aiuta, ma serve a fare aumentare le piastrine; però parlate anche con i medici del reparto per sapere se pensano anche a soluzioni terapeutiche alternative
Un saluto

A. Baraldi

[#23] dopo  
Utente 165XXX

caro dottore mi scusi se la disturbo ancora... oggi abbiamo fatto il controllo delle piastrine risultato 14 mila non lo hanno ricoverato, non gli hanno dato niente ...solo hanno detto di ritornare giorno 21 ottobre per un nuovo controllo cosa ne pensa?...nel controllo precedente avevano parlato di dare del cortisone ...oggi neanche lo hanno visitato...in tutta sincerita lei cosa farebbe? mi puo dare qualche suggerimento ?la saluto ringraziondala sempre ma parlare con lei mi rassicura tanto....

[#24]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Signora , noto nelle sue parole,un venir meno in parte della fiducia nei medici che hanno in cura il bambino; è un suo pieno diritto di sentire anche un altro centro. Io , così a distanza, non posso dire altro, ma se un secondo parere può aiutare a tranquillizzarla senta anche un altro centro ematologico
Un saluto

A. Baraldi

[#25] dopo  
Utente 165XXX

la ringrazio di aver risposto ma una mamma vorrebbe fare il possibile per i figli ....ma che io sappia nella mia citta non ce un altro centro ematologico pediatrico ...lei sa suggerirmi qualcosa ? cordiali saluti...

[#26]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Credo che a Palermo possiate sentire altri centri ematologici, per esempio quelli del Policlinico, ma, ci tengo a dirlo, la terapia finora attuata è corretta
Un saluto

A. Baraldi

[#27] dopo  
Utente 165XXX

caro dottore sono passati 3 mesi dall ultimo nostro dialogo ,le piastrine di mio figlio si sono aggirate tra i 40... 50 mila ad ogni controllo a parte qualche livido e qualche petecchia , tutto procede bene....stiamo imparando a convivere con la piastrinopenia e siamo un po piu tranquilli.. ho sentito parlare di un gene per diagnosticare questa malattia.... puo dirmi di che cosa si tratta .... ringraziandola sempre, cordiali saluti...

[#28]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Sì, si parla di questo gene, ma siamo allo stato di ricerca a tutt'oggi. Gli attuali valori sono tranquilli e non pongono problemi, stia tranquilla
Un saluto

A. Baraldi