Utente 180XXX
Gentilissimi,
ho scoperto solo qualche tempo fa, mettendo in ordine delle carte, che in alcuni esami che avevo fatto, di vario genere, prima di un delicato intervento all'età di 5 anni, in una piccola porzione di un referto ematologico, viene indicato che soffrirei dell'Anomalia di Pelger-Huet. Ho cercato su Internet delle spiegazioni ma devo dire che sono troppo difficili da capire per una che non è "del mestiere". Mi piacerebbe rendermi conto di che cosa dovrei soffrire, se è una cosa che prima o poi spunterà fuori, a cosa dovrei prestare attenzione, se devo fare delle cure preventive o esami spacifici di controllo. Oppure, se invece non ho di che preoccuparmi. Vorrei sapere inoltre se è un'anomalia genetica e se ha a che fare con un difetto della coagulazione che aveva mio Padre.

Vi ringrazio molto per la vostra attenzione e resto in attesa di un gentile riscontro.

Cordiali Saluti

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Si tratta di anomalia genetica in cui i granulociti neutrofili non presentano , nel loro nucleo, quelle segmentazioni tipiche di queste cellule, ma forme di tipo piccolo nucleo circolare o a banda; la si può ritrovare circa ogni 5000 strisci di sangue. Non vi sono terapie da fare nella forma genetica, che è la sua , visto che sono passati più di 40 anni
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 180XXX

Gentilissimo Dottor Baraldi,
innanzitutto la ringrazio per il riscontro e la sua chiarezza di esposizione. E' vero d'allora sono passati 37 anni.

Mi rimangono però due domande e una curiosità.
Domande : questa anomalia, quindi non mi crea alcun problema, è asintomatica ? Potrebbe essere collegata alla Toxoplasmosi che mia Mamma ha contratto in gravidanza e che mi ha causato una Corioretinite Congenita ?
La curiosità è : perchè si verifica questa anomalia ?

Ringraziandola ancora per l'attenzione resto in attesa di un gradito riscontro.

Cordiali Saluti

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
L'anomalia è asintomatica ma non è collegata alla toxoplasmosi: Si verifica per un difetto genetico di segmentazione dei neutrofili, non pone alcun problema perchè i neutrofili sono perfettamente funzionanti ed è del tutto benigna
Un saluto

A. Baraldi