Utente 236XXX
Buongiorno a tutti
sono una ragazza di 29 anni. Da qualche mese mi sono accorta di avere numerosi linfonodi gonfi a livello ascellare e qualcuno a livello inguinale e spesso delle fitte in corrispondenza del fegato, soprattutto da seduta.
A tal proposito il mio medico di base dopo avermi visitata mi ha prescritto un’ecografia alle parti molli, all’addome ed un emocromo.
Gli esami del sangue sono perfetti (i trigliceridi bassi “38” sono gli unici dati fuori norma) mentre dall’ecografia confermano i linfonodi ingrossati a livello ascellare di tipo rattivo. L’eco addominale non ha evidenziato nulla di particolare se non per una milza accessoria e qualche piccolo calcolo renale (l’ecografo dice che i dolori che avverto ogni tanto in corrispondenza del fegato potrebbero essere dovuti a quei piccoli calcoli).
A dicembre ho fatto una piccola escursione sulla neve ed ho avvertito un forte dolore all’inguine destro che mi impediva quasi di sollevare la gamba, dolore che si è protratto anche per il giorno seguente (preciso che sono abituata alle lunghe camminate ed escursioni in montagna inoltre sono una ex atleta quindi certi sforzi fisici non mi intimoriscono…). Mi sono così “autopalpata” ed ho sentito che ho in corrispondenza dell’inguine dx numerosi linfonodi ingrossati di svariate misure e qualcuno anche dal lato sx, in particolare uno più grande di forma allungata. In questi giorni si sono gonfiati altri linfonodi sia al lato dx che sx del collo. Premetto che sono piuttosto terrorizzata dalla cosa in quanto il mio compagno ha da qualche mese terminato le cure per un L.H. e devo essere sincera, questo mi ha alquanto destabilizzata.
Spesso sudo freddo ma non ho febbri ed ho qualche extrasistole ma non sono fastidiose, durano pochi secondi … In quest’ultimo mese ho avvertito un forte prurito a livello ascellare, quasi bruciore che però negli ultimi giorni sembra essersi calmato; sono di natura molto pallida quindi questo non mi preoccupa più di tanto …insomma non so cosa pensare…. Conoscendo la malattia avuta dal mio compagno a volte temo di essere ipocondriaca….ma tutti i sintomi sopradescritti sono veri…cosa mi consigliate?!?
Se può essere utile lascio alcune info relative il mio quadro clinico:
non ho contratto toxoplasmosi, no mononucleosi, no varicella/morbillo scarlattina/rosolia/orecchioni…nulla di tutto ciò. Unica cosa circa dieci anni fa mi è stato asportato un fibroadenoma al seno dx ma da allora nessun altro tipo di intervento.
Vi ringrazio fin d’ora.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Credo che ora l'esperienza del suo compagno stia giocando un ruolo importante sulla sua ansia.

Ha fatto una visita. Gli esami sono normali e quindi è probabile si tratti di linfonodi reattivi.
E non c'è alcuna correlazione con il fibroadenoma asportato in passato.
Farei solo un monitoraggio con il suo curante

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html
Annoni Andrea, MD