Utente 308XXX
buongiorno, vorrei chiedere un parere. Sono una ragazza di 19 anni,ben tre anni fa ho contratto la mononucleosi,in maniera molto forte. Ho avuto febbre,mal di gola,stanchezza,linfonodi gonfi,e dagli esami sono stati rilevati alti valori di transaminasi e ab epstein barr. Non ho fatto cure,perche i medici mi hanno detto che con il tempo e il riposo tutto si sarebbe risolto.Ho fatto svariati esami e infatti con il tempo i valori stavano rientrando in norma. Ora dopo ben tre anni dall'evento,quasi per curiosita chiedo al medico di prescrivermi gli esami per la mononucleosi e dai referti mi sono accorta che i granulociti neurofili risultano piu bassi della norma,infatti sono a 43,e i limiti dovrebbero essere dai 45 ai 70; i linfociti sono alti (48.. con i valori di riferimento da 20 a 40),e per di piu l'ab epstein barr(VCA- IgM) è a 0,60 (presente),l ab epstein barr IgG è a 3.62(presente). Quindi la mononucleosi e ancora presente,puo essere che il virus si sia riattivato? Non si puo guarire totalmente? Inoltre non so se possa centrare qualcosa,ma da quando tre anni fa ho contratto il virus ho iniziato a perdere molti capelli,e ora da poco ho scoperto anche di essere celiaca,puo tutto cio essere collegato? Aggiungo anche che sugli esami vedo scritto: reazione di paul bunnel 1:64. E sempre un valore legato alla mononucleosi? Mi scuso per le tante domande,ma il pensiero di un riattivamento della mononucleosi mi atterra,visto tutto il calvario passato. La ringrazio per l attenzione, attendo risposte.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
E' molto raro che una mononucleosi si possa riattivare ; di norma c'è una guarigione completa; comunque il suo valore di Ig M è al minimo come positività; io lo ripeterei tra qualche tempo ma senza allarmi
Un saluto

A. Baraldi