Utente 424XXX
Salve, volevo semplicemente sapere un'informazione.
Mia sorella ha sofferto di piastrinopenia 6 anni fa, poi ,fortunatamente, il tutto si è risolto con una trasfusione.
Ora ha fatto le analisi e le piastrine risalgono a 132.000 (circa 20.000 in meno)
La pediatra le ha dato l'antibiotico, precisamente lo zimox.
Ora io mi sono posto la seguente domanda:" ma prendendo l'antibiotico, le piastrine non diminuiscono maggiormente?"
La ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signora vorrei sapere perchè sua figlia ha avuto una piastrinopenia che ha richiesto una trasfusione. E' stata fatta una diagnosi? Lo Zimox lo sta prendendo adesso e perchè? per quale motivo dovremmo avere il timore che riduca le piastrine? mi faccia sapere. Cari saluti
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena

[#2] dopo  
Utente 424XXX

La ringrazio per la risposta
Non abbiamo mai saputo da dove derivasse la piastrinopenia.
Lo zimox gliel'ha dato la sua pedriata perché all'ultimo controllo il TAS e il VES sono risultati alti. (TAS 547, VES 16, DNASI B Abs 955)
Quindi vorremmo sapere se è necessario prendere l'antibiotico oppure no.
La ringrazio nuovamente. Distinti saluti

[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Gentile signora visto che tutti i marcatori di infezione streptococcica sono positivi per una infezione attuale o redente, ritengo che sia più che corretto fare la terapia con Zimox. Non c'è un rischio specifico che si determini una piastrinopenia da farmaci: il rischio è minimo per tutti i farmaci. quindi nel caso si può fare un controllo dell'emocromo dopo tre-quattro giorni di terapia per semplice precauzione. In ogni modo è più importante che inizi la terapia anrtistreptococcica. Cordiali saluti
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena

[#4] dopo  
Utente 424XXX

Perfetto, la ringrazio tanto nuovamente.
Cordiali saluti

[#5] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
cordiali saluti a lei.
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena