Utente 170XXX
Gentili dottori,
il 24 giugno 2010 ho subito un intervento di tiroidectomia totale per carcinoma papillare.
Il giorno dopo l'intervento ho accusato formicolii sugli arti il viso e in ospedale mi è stata soministrata una flebo di calcio. Il giorno dopo ho cominciato uan cura già in ospedale assumendo calcio carbonato e calcitriolo.
I formicolii sono durati ancora parecchi giorni e al momento delel dimissioni il calcio ne lsangue era 7.3, tra l'altro in diminuzione rispetto al valore dei giorni precedenti.
A casa ho subito cominciato la terapia sostitutiva con calcium sandoz da 1000 mg una bustina al dì e 3 compresse di rocaltrol da 0,5 mg.

A distanza di una settimana dall'intervento ho avuto i seguenti esami di laboratorio:
calcemia: 8.9 (8.1 - 10.4)
fosforemia: 5.2 (2.5 - 5)
magnesiemia: 2.0 (1.8 - 2.9)

L'istologico non ha segnalato la presenza di ghiandole paratiroidi che sono state quindi preservate. Il mio endocrinologo però mi ha spiegato che a volte pur non essendo state tolte le pratiroidi non riescono più a mettersi in moto o se lo fanno ci vuole un pò di tempo e che questo poteva essere il mio caso!
Così il mio medico a venti giorni dall'intervento ha ritenuto opportuno continuare ancora un pò la terapia con il calcio, oltre a somministrarmi la compressa da 100 microgrammi di eutirox.

A distanza di due mesi esatti dall'intervento, continuando ancora la cura sostitutiva di calcio questi sono gli esami:

calcemia:8.3 (8.1 - 10.4)
calcio urinario: 0.20 (0.1 - 0.3)
fosforo urinario: 0.67 (0.8 - 2)

Questi i valori ormonali:
TSH: 1.9 (0.15 - 4.5)
FT3: 2.77 (2.14 - 5.34)
FT4: 2.33 (0.73 - 2)

Non ho grossi sintomi ma da quando sono stata operata, sono spesso stanca e di notte mi sveglio spesso con formicolii alle braccia, oltre a insonnia 4 giorni su sette.

Ho chiamato al mio endocrinologo che al momento è in ferie e lo rivedrò a metà settembre, quindi in attesa sono un pò ansiosa di comprendere meglio questi valori e capire se si potrebbe (sempre dop oaver sentito il mio medico) già cominciare a eliminare la terapia con il calcio (che ogni volta che devo prendere la bustina lo stomaco non ne vuole sapere).
Il valore 8.3 non è un pò basso tenendo presente che sto assumendo anche il calcio per bocca? Ho letto che l'ipocalcemia di solito è associata a iperfosforemia, ma il fosforo urinario è piuttosto basso, c'è differenza fra fosforemia e fosforo urinario?

Spero di essere stata abbastanza chiara, ringrazio in anticipo per la risposta e resto a disposizione per eventuali chiarimenti.

[#1] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2004
Al momento non e' opportuno che sospenda la terapia col calcio e vitamina D, considerato il valore ai limiti bassi della norma della calcemia. Da valutarne piuttosto, un lieve incremento nella posologia, anche alla luce del quadro clinico. In tal senso il Suo endocrinologo, sapra' indirizzarla per il meglio.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#2] dopo  
Utente 170XXX

gentile dottore,
la ringrazio per la sua risposta tempestiva, era un pò quello che mi aspettavo, anche se in qualche modo speravo di poter cominciare a ridurre la posologia.
La mia paura è che le paratiroidi non si rimettano più in funzione, e di dover prendere a vita il calcio con tutte le conseguenze che ne derivano.

Aspetterò di rivedere il mio endocrinologo, e capire quello che c'è da fare!
La ringrazio ancora.

[#3] dopo  
Utente 170XXX

un'altra domanda se posso, mi chiedevo che differenza c'è fra calcemia e fosforemia e fosfaturia e calciuria....a parte il fatto che i primi due sono esami del sangue e gli altri due delle urine.

Inoltre mi è venuto un grosso dubbio: avrei dovuto sospendere la terapia a base di calcio per un certo periodo, prima di fare la raccolta delle 24 ore delle urine? Io ho sospeso la terapia solo per il giorno in cui ho fatto la raccolta! L'eutirox invece l'ho preso normalmente, ovviamente dopo aver fatto il prelievo del sangue!
Scusate le mille domande, grazie ancora!

[#4] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2004
La valutazione di Calcio e Fosforo nel siero e nelle urine, aiuta a comprendere il bilancio tra la quota presente in circolo, frutto di processi di assorbimento, e quella eliminata con le urine.
Mai sospendere la terapia col Calcio e la Vitamina D, salvo indicazione medica.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#5] dopo  
Utente 170XXX

grazie dottore....intanto il mio endocrinologo mi ha mandato una email di risposta alla mia in cui gli inviavo i risultati degli esami qui riportati (come da sua richiesta!).
Mi ha scritto di proseguire con la terapia in corso, dandomi da rifare calcemia e fosformia tra tre mesi! Esami che poi valuteremo insieme!

Onestamente avrei preferito parlarne di persona ma non è stato possibile, per il momento farò come dice il mio medico, proseguendo la stessa terapia...spero solo di cominciare a sentirmi un pò meglio...e soprattutto che tutto rientri nella norma!!!!

Sono un pò demoralizzata per questo problema, di cui non avevo assolutamente tenuto conto andando a operarmi...l'argomento con il chirurgo è stato appena sfiorato, come qualcosa che sarebbe rientato nel giro di poche settimane!!!! Invece a novembre (tra tre mesi) saranno già passati 5 mesi dall'intervento!!!!

Caro dottore la ringrazio infinitamente per la disponibilità e l'ascolto...