Utente 339XXX
Buongiorno,
mi sono rivolta ad un centro specializzato in infertilità perchè sono alla ricerca delle seconda gravidanza che non arriva. Dopo varie analisi è emersa la necessità di procedere con una stimolazione tramite clomid. Il dottore che mi segue ha però notato che il valore del tsh al primo marzo è risultato di 2,86 mcU.i/ml (valori di riferimento 0,27-4,2) mentre nelle precendenti analisi fatte venti giorni prima era di 2,07.
Pertanto ha deciso di farmi ripetere il dosaggio del tsh tra due settimane e se fosse ancora superiore a 2,50 di richiedere ad un endocrinologo una cura per abbassare il valore prima di procedere con la stimolazione. Cosa ne pensa in merito? La ringrazio fin d'ora per la risposta che vorrà darmi .

[#1] dopo  
Dr.ssa Francesca Garino

28% attività
0% attualità
4% socialità
TORINO (TO)
BANCHETTE (TO)
NICHELINO (TO)
RIVOLI (TO)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Buonasera,
diversi studi hanno dimostrato che, soprattutto in donne con anticorpi antitiroidei positivi (abTG e/o AbTPO) valori di TSH superiori a 2,5 possono correlare con un aumentato rischio di mancato impianto dell'embrione e di aborto entro il primo trimestre; per questo motivo specialmente in chi si sta sottoponendo a PMA se si confermano valori di TSH sempre superiori a 2,5 è consigliabile iniziare una terapia con ormone tiroideo in modo da portare i valori di TSH intorno a 1 (valore che è considerato "di sicurezza").
Naturalmente queste sono indicazioni generali, la valutazione del caso singolo con tutti gli esami e gli elementi clinici disponibili andrà effettuata dall'endocrinologo.
Dr.ssa Francesca Garino
Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio
france.garino@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 339XXX

La ringrazio molto per la sua risposta. Dal momento che tra due settimane devo ripetere dosaggio del tsh , mi consiglia di aggiungere anche quello degli anticorpi antiroidei (dal momento che tanto devo fare il prelievo!) , in modo da averli già nel caso il tsh sia superiore a 2,5 e dovessi quindi passare prima per l'endocrinologo? Nel caso in cui dovessi appunto iniziare la terapia, sa dirmi se dovrò poi aspettare molto prima di procedere con la pma? La ringrazio ancora della sua disponibilità e gentiliezza e le auguro una buona giornata.

[#3] dopo  
Dr.ssa Francesca Garino

28% attività
0% attualità
4% socialità
TORINO (TO)
BANCHETTE (TO)
NICHELINO (TO)
RIVOLI (TO)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Buonasera,
sì, le consiglierei di effettuare anche il dosaggio degli AbTPO per sveltire i tempi.
Nel caso dovesse iniziare una terapia con tiroxina consideri che il primo controllo per verificare l'efficacia del trattamento si fa di solito a un mesetto dall'inizio; saranno poi l'endocrinologo insieme al suo ginecologo a decider qual'è il valore di TSH che ritengono opportuno raggiungere prima di procedere con la PMA.
Dr.ssa Francesca Garino
Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio
france.garino@gmail.com

[#4] dopo  
Utente 339XXX

Buongiorno dottoressa.
Ho consultato un'endocrinologa dopo aver effettuato ulteriori esami del sangue per valutare la funzionalità della tiroide. Sono un pò confusa dopo la consulenza. Quanto alla necessità di assumere tiroxina l'endocrinologa si è detta contraria , dal momento che dal quadro complessivo risulta che la mia tiroide è normofunzionante e assumete la tiroxina potrebbe compromettere questa buona funzionalità.
Ha però sollevato obiezioni sul fatto di iniziare la stimolazione ormonale con clomid, mettendo in discussione la professionalità del ginecologo che mi segue al centro di infertilità e mi ha proposto innanzitutto di cambiare medico e in secondo luogo di assumete metformina che a suo dire aiuterebbe la mia ovulazione, abbinato a syrel , un integratore di selenio. Faccio presente che non sono diabetica nè soffro della sindrome dell'ovaio policistico....
Non ancora ricevuto il parere del mio ginecologo in tutto ciò, ma onestamente sono rimasta un pò perplessa.... Sono contenta che la mia tiroide sia sana, ma per il resto mi fido molto del centro dove sono seguita e non so se sia il caso si iniziare la terapia con metformina. Confido molto in un suo parere in merito e la ringrazio fin d'ora se vorrà darmelo.

Le riporto per completezza i valori delle utlime analisi.
Tsh 2,30 mUI/l riferimento 0,25/3,50
ft3 3,6 pg/ml riferimento 2,6/5,4
Ft4 14,6 pg/ml riferimento 9,4/20,0

Gli anticorpi sono negativi.

[#5] dopo  
Dr.ssa Francesca Garino

28% attività
0% attualità
4% socialità
TORINO (TO)
BANCHETTE (TO)
NICHELINO (TO)
RIVOLI (TO)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Buongiorno,
è possibile che l'endocrinologa che l'ha vista abbia deciso di non proporle la terapia con tiroxina visto che il valore del TSH era sceso al di sotto del riferimento del 2,5, soprattutto considerando il fatto che gli anticorpi erano negativi.
Per quanto riguarda le altre indicazioni terapeutiche sono un po'' perplessa:
per quanto riguarda la metformina non vedo in quello che lei scrive e nei suoi dati qualcosa che ne suggerisca in modo specifico l'uso, non essendoci in particolare una condizione di PCO o quantomeno di sovrappeso; tuttavia è possibile che in visita siano emersi altri elementi che qui non mi è possibile valutare.
Il syrel è proposto in gravidanza in particolare in presenza di anticorpi e comunque con lo scopo di favorire il funzionamento della tiroide; sinceramente forse preferirei un integratore che contenga anche un po' di iodio, visto il suo ruolo fondamentale nella sintesi degli ormoni tiroidei (es normotir) a meno che lo stia già assumendo con altri integratori.
Infine un consiglio di ordine generale: è sempre bene che gli specialisti a cui ci affidiamo ci seguano in sinergia, a maggior ragione in un momento delicato anche dal punto di vista psicologico come è la PMA: cercherei pertanto di scegliere tra il ginecologo e l'endocrinologo e farmi consigliare dallo specialista scelto un collega dell'altra branca con cui abbia già collaborato in modo proficuo in passato!
Dr.ssa Francesca Garino
Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio
france.garino@gmail.com