Mirtazapina 30 mg

Buonasera! Ho bisogno di un'informazione. Dal 2010 fino a maggio 2015 ho assunto 30 mg di Mirtazapina per un disturbo d'ansia a causa di una famiglia molto problematica dalla quale ora mi sono staccata. Con il monitoraggio del mio psichiatra e della mia psicologa ho deciso di smettere la Mirtazapina perchè il problema dell'ansia era nettamente migliorato, io mi sentivo più forte e sicura di me. Mentre prendevo Mirtazapina ho iniziato a stare male; secchezza negli occhi e in bocca, bevevo 4 l di acqua al giorno. Man mano ho iniziato ad avere molta stitichezza con episodi di diarrea. Dopo ho continuato ad avere stitichezza e non digerivo per niente bene, soprattutto mi gonfiavo e mi veniva una forte sonnolenza dopo aver mangiato, premetto che mangio poco. Tolta la Mirtazapina i sintomi peggioravano, oltre alla stitichezza e al gonfiore (sono ingrassata 6 kg) vomitavo il cibo e mi saliva l'acido. A maggio del 2015 ho vomitato sangue e, in conseguenza di questo episodio ho fatto una gastroscopia che mi ha segnalato che ho un'esofagite da reflusso. Ora mi chiedo se la Mirtazapina può avermi causato tutti questi sintomi che poi sono diventati, in parte, esofagite da reflusso. Mi faccio questa domanda perchè ho bisogno di sapere l'origine di questa esofagite da reflusso per capire come affrontarla, perchè nonostante la dieta e i farmaci, non migliora.

[#1]
Dr. Tommaso Vannucchi Farmacologo, Psichiatra, Tossicologo 6,8k 336 1
Genrile utente
non esiste correlazione fra mirtazapina ed esofagite da reflusso

Tommaso Vannucchi

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie!

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test