Problemi al fegato, dopo mononucleosi

Salve,
la mia storia è cominciata circa un anno fa con il manifestarsi di stanchezza in un periodo di forte stress lavorativo. Dopo qualche mese di questi disturbi ho consultato il medico di famiglia ed è emersa una mononucleosi, comunque superata, ma che aveva lasciato alterati i valori GOT, GPT e soprattutto GGT (250). Su indicazioni del dottore, e di uno specialista, abbiamo provveduto a fare tutta una serie di analisi per verificare la situazione, ma tutto è risultato a posto ( valori ed ecografia della tiroide, elettrocardiogramma ed ecocuore, ecografia del fegato, del pancreas e di tutto il basso ventre, RMN colangio, analisi del sangue con anche i marker tumorali ...) ad eccezione della curva insulemica che dopo 120 min scende troppo. Ripetendo le analisi i valori sono pian piano scesi (con GOT e GPT quasi nella norma e GGT a 158 ) prima dell'estate mentre nell'ultimo controllo di fine settembre sono leggermente risaliti (GGT a 180). Non ho dolori particolari (anche per la mononucleosi l'unico sintomo è stato la stanchezza) ma cosa strana ho la necessità di mangiare qualcosa ogni 3 ore circa altrimenti ho un appannamento della vista dovuto alla comparsa di una macchia biancastra ( come se rimanessi abbagliato ) che scompare poco dopo l'assunzione di cibo ma diventa emicrania in caso contrario. Questo problema non si è mai verificato in vacanza o lontano dal posto di lavoro. Per completezza di informazione, ogni tanto, riaffiora un'infiammazione al ginocchio dovuta ad una lunga inattività causata dalla rottura del crociato mai operato.
Vorrei capire come posso procedere per stabilire la causa del problema senza arrivare alla biopsia prospettata dallo specialista come unica soluzione.
Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Roberto Mangiarotti Gastroenterologo, Medico internista 907 15
Gentile Utente, l'alterazione isolata delle gammaGt pò essere legata a fattori esterni tipo (uso di alcool o alcuni farmaci). Non sembra esserci rapporto con la pregressa mononucleosi e se le transaminasi e gli altri accertamenti sono normali non mi sembra al momento necessaria la biopsia epatica. Il sintomo visivo potrebbe invece essere una manifestazione di una cefalea vasomotoria e quindi trattato di conseguenza.
Cordiali saluti

Dott. Roberto Mangiarotti

[#2]
Utente
Utente
Buongiorno,

la ringrazio per la cortese risposta,

per mia fortuna non ho mai avuto grosse necessità di assumere farmaci ad eccezione di qualche Tachipirina, rarissime volte un Moment e qualche integratore (Supradin) in questi ultimi tempi.

Per quanto riguarda l'alcool da quando ho avuto notizia dei valori di GGt anomali ( novembre 2008 ) ho evitato di bere anche quei due bicchieri di vino che prendevo a pasto ( solo la sera ) ad eccezione di pochissime occasioni come matrimoni, battesimi o compleanni.

Per quanto riguarda il disturbo visivo potrebbe essere causato dalla mia attività lavorativa (al computer per gran parte della giornata) e dallo stress lavorativo (azienda per cui lavoro in crisi da anni con annessi licenziamenti di massa)?

Cordiali saluti!

[#3]
Dr. Roberto Mangiarotti Gastroenterologo, Medico internista 907 15
E' probabile che il disturbo visivo riconosca le cause da lei elencate. Per quanto riguarda le gammaGt ribadisco quanto già detto.
Saluti
[#4]
Utente
Utente
Grazie!
Emicrania

L'emicrania è una delle forme più diffuse di cefalea primaria, può essere con aura o senz'aura. Sintomi, cause e caratteristiche delle emicranie.

Leggi tutto