Utente cancellato
Salve, sono una ragazza di 30 anni e a volte ho rapporti anali con il mio fidanzato.Ho curato la candida vaginale con il diflucan 150mg, 2 compresse a distanza di tre giorni e un ovulo di sertadie e lomexin lavande.Ovviamente il mio ragazzo solo il diflucan.Lui presenta ancora macchie rosse sul glande in seguito ad un rapporto anale.Ho letto che esiste la candida intestinale.Siccome mi vergogno a dirlo al mio medico ho fatto di testa mia l'esame delle feci ed è risultato positivo alla candida intestinale.Non posso chiedergli una cura.Dietro consiglio di un pedriata molto amico del mio ragazzo sto prendendo anche stenorex (anche lui),batiflor e utrican per cistiti ricorrenti dovute a escherichia coli. Forse dovremmo rinunciare a avere rapporti anali o basterebbe l'uso del preservativo?adesso come dovremmo curarci?Il diflucan va lo stesso bene? Grrazie mille.




[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La candidosi è una malattia considerata tra quelle sessualmente tasmissibili,i responsabili di questa affezione passano da un soggetto all'altro attraverso un contatto sessuale. I microrganismi che causano queste malattie infatti vivono e si moltiplicano generalmente nel corpo umano anche a livello orale e intestinale.Utile è l'uso del preservativo abbinato ad una fondamentale igiene personale e di coppia,consiglio di lavarsi accuratamente i genitali con un sapone acido, prima e dopo ogni rapporto sessuale, soprattutto in occasione di contatti anali.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Deve sottoporsi ad una coltura di tampone vaginale e rettale per individuare il micete specifico (GLABRATA,TORULOPSIS,ALBICNS)e sottoporsi a terapia mirata.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#3] dopo  
56149

dal 2012
Gent.le dott.Blasi.Non ho precedentemente specificat che è candida albicans.Adesso ho il ciclo.Quando mi finirà riprenderemo il diflucan....penso che basti o ci vuole un antibiotico? grazie anticipatamente.

[#4]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Si tratta di micosi,gli antibiotici non servono.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
La Candida Albicans è un fungo che si annida nell’intestino di tutti gli esseri umani, in genere poco dopo la nascita,per rimanervi per sempre, in condizioni normali possiamo considerarlo benefico ed appartenete alla flora batterica che partecipa alla digestione degli zuccheri.Allo stesso modo è presente a livello vaginale in maniera asintomatica.In particolari condizioni diventa un parassita e patologico, crea una struttura molecolare molto lunga ed è responsabile di una serie di disturbi.A livello dell'aparato genitale maschile e pricipalmente femminile determina perdite biancastre, maleodoranti accompagnate da un prurito insopportabile. Molti dei sintomi della candida sono da mettere in relazione non tanto con la presenza del fungo ma con il suo sviluppo in senso patogeno .Possiamo dire quindi che la salute intestinale o vaginale dipende dall'equilibrio fisiologico tra tutti i microrganismi presenti e a livello vaginale da un ambiente acido.Ritornando al suo caso,sarà il ginecologo ,il dermatologo il coloproctologo a valutare se la sintomatologia riferita e da associare alla presenza della candida albicans, che ,come ho precedentemente spiegato, è sempre presente a livello intestinale , cutano e delle mucose.Allo stesso modo saprà prescriverle l'idonea terapia.Concludo dicendo che i consiglii che le ho precedentemente indicato,in merito ai rapporti sessuali,indipendentemente dalla terapia, sono sempre validi.
Saluti

Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com