Utente
Salve,egregi Dottori,ho un dubbio, da quando mi hanno diagnosticato una MODESTA ERNIA IATALE,ogni giorno per tutto il giorno,ho un dolore localizzato dietro la scapola dx, a volte, quando guido, o siedo su panche e sedie poco comode,il dolore peggiora e si sposta anche al centro. il dolore è molto fastidioso,come una fitta,ininterrotta,come dicevo prima.
molti mi hanno detto che l'ernia iatale fà di questi scherzi..Voi cosa ne pensate?
ho eseguito anche un'elettrocardiogramma e fortunatamente il cardiologo ha detto che è tutto ok!

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile amico, l'ernia iatale puó dare dolori in regione scapolare ma, in genere, non continui ed, anzi, influenzati dai pasti.
Per come descrive lei la sintomatologia, sembra più un problema osteoarticolare!
Chi le ha diagnosticato l'ernia non le ha dato una terapia?
Come è stata fatta la diagnosi?
Resto a sua disposizione!
Mi faccia sapere!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la disponibilità Dottore, la diagnosi dell'ernia è stata fatta tramite gastroscopia, (questo un mese fa) per 30gg come terapia ho assunto peridon 10mg pantorc 40 e riopan. adesso per 3 mesi sto facendo una cura di mantenimento con solo pantorc 20 e riopan gel.
colgo l'occasione per chiederle: ho un dolore al fianco sx ,non nel frontale,localizzato proprio nel laterale del fianco appena sotto le scapole, in più vado ad urinare almeno 10 volte al giorno..può il pantorc essere il responsabile di tutto ciò? penso al pantorc perchè ho sospeso la cura per 15 gg e questo dolore e la frequente diuresi che ho avuto durante i 30gg di cura iniziale,sono spariti alla sospensione della cura e ritornati una volta iniziata nuovamente.
la ringrazio per la disponibilità.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) durante la cura con procinetici ed inibitori di pompa protonica come andava il suo dolore alla scapola?
2) con gli inibitori di pompa protonica il dolore al fianco puó avere un nesso. Non mi risulta che ci sia relazione tra questi farmaci e minzioni frequenti.
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
la ringrazio per la disponibiltà, il dolore alla scapola lo avevo anche durante i 30 gg di cura iniziale con ipp e procin. periodo che coincide anche con la diagnosi dell'ernia,(è un mese che sò di averla) ragion per cui,ho collegato il dolore all'ernia..ma un mese e più..mi sembra un pò troppo...
non voglio approfittare della sua grande disponibilità, mi permetta di chiederle,in questi giorni,e durante le visite,ho capito che si tende ad associare l'ernia,al reflusso gastroesof.;io in realtà (pur avendo CARDIAS IPOTONICO) non soffro di vero reflusso,in quanto non ho bruciori in gola ecc,ma più che altro ho sempre bruciore di stomaco..anche se lieve,ma c'è sempre, inoltre ho sempre fame,oltre i 3 pasti principali, ho bisogno di fare ricorrenti spuntini.(frutta oo pochi biscotti per tamponare la fame). quindi il mio problema direi che è per lo più gastrite...è normale che quest'ultima perdura per tutto questo tempo e con questi sintomi?
la ringrazio per l'attenzione.

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ha fatto la ricerca per helicobacter pylori?
La Gastrite puó anche cronicizzare!
La fame precoce puó essere sintomo di gastroduodenite ma puó essere anche il segnale di una produzione elevata di insulina dopo il pasto (con sensazione di fame precoce).
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
si, con la gastroscopia è stato effettuato un test rapido per l'HP,con esito negativo.
magari in questi giorni appena posso, farò il breath test per l'hp ,per stare più tranquillo! una gastroduodenite non è diagnosticabile con la gastroscopi?c'è bisogno di test specifici?
"il segnale di una produzione elevata di insulina dopo il pasto " mi può spiegare a cosa è dovuta ? e se è una complicazione seria?
grazie tante per la disponibilità.

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La gastroduodenite si diagnostica con la gastroscopia.
Il breath test non è necessario se ha già fatto il test rapido.
La produzione di insulina non è in relazione allo stomaco ma è una condizione metabolica che puó giustificare la fame precoce. Non è pericolosa.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
caro Dottore,mi scusi se la disturbo ancora, secondo lei, un gonfiore all'altezza della bocca dello stomaco, a stomaco vuoto, è normale nel mio caso? una volta mangiato il gonfiore si allevia, resta solo un piccolo fastidio che non saprei neanche descrivere,come un peso,un fastidio ecco...! è 2 mesi ormai che lo stomaco non mi da tregua,sì la situazione è migliorata molto,ma è normale questo fastidio?
ho fatto anche le analisi del sangue ed i valori sono tutti nella norma, e comunque,dall'esito della gastroscopia, posso stare tranquillo?non vorrei pensare al peggio come malattie più gravi.....

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile amico, credo si tratti solo di una sindrome funzionale!
Per il gonfiore potrebbe provare ad assumere del simeticone.
Mi faccia sapere!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia